fbpx


L’effetto dello tsunami Covid colpisce anche la Norwegian, terzo vettore low cost europeo (dopo l’irlandese Ryanair e la britannica EasyJet) e primo a offrire negli ultimi anni voli transatlantici fra Europa e America a tariffe contenute.
    La compagnia norvegese ha infatti annunciato oggi il taglio del settore ‘lungo raggio’ – che aveva base nell’aeroporto di Gatwick, a Londra – e di 2.600 posti di lavoro, inclusi 1.100 fra piloti e assistenti di volo basati nell’hub londinese.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA


%d bloggers like this: