I titoli azionari statunitensi sono oscillati tra la speranza e la disperazione, ma i tre indici principali hanno chiuso al ribasso giovedì. Le preoccupazioni che i casi di coronavirus potrebbero essere aumentate si sono aggiunte all’annuncio della Fed di New York che frenerà ulteriormente le operazioni di pronti contro termine.

Borse asiatiche miste. Il (-0,59%) e il (-0,60%) sono scesi dopo la prima morte da coronavirus nel Giappone e l’inaspettata contrazione dello 0,2% m/m dell’attività terziaria contro lo 0,1% di aumento previsto dagli analisti e l’aumento dell’1,4% osservato un mese prima.

L’ASX 200 (+0,38%), lo (+0,38%) e l’ (+0,39%) hanno guadagnato in quanto gli investitori si sono rilassati dopo che l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha avvertito che il picco nel numero di casi, causato della modifica della metodologia di diagnosi, non riflette necessariamente un improvviso peggioramento della situazione.

Le azioni di Alibaba sono scese dello 0,55% a Hong Kong poiché il gigante cinese di e-commerce ha detto che il focolaio di coronavirus avrà un impatto significativo sui consumatori e sui commercianti. In effetti, un rallentamento improvviso e sostanziale dell’attività economica, le città in quarantena e il traffico limitato certamente si prenderanno un pedaggio sui primi numeri del trimestre, ma crediamo che l’impatto negativo sui rivenditori online sarà inferiore a quello che molti temono, dato che le famiglie che rimangono a casa per periodi prolungati possono avere in qualche modo aumentato le vendite online in Cina. In ogni caso, l’azienda ha registrato il 58% di aumento degli utili nel quarto trimestre, le vendite della Festa degli Scapoli ha raggiunto un record di $ 38,3 miliardi l’11 novembre.

Il sentimento sul petrolio è stato misto ma il WTI ha proseguito il suo recupero e si è situato sopra quota $ 51.50 in Asia. L’AIE ha detto che l’eruzione del coronavirus potrebbe tradursi in un calo di 435.000 barili al giorno nella domanda di questo trimestre, contro l’aspettativa precedente che sarebbe aumentata di 800.000 barili. Il calo della domanda, la sovrabbondanza globale esistente, l’esitazione dell’OPEC per reagire allo shock e la tendenza lunga reale nelle posizioni speculative nette del petrolio probabilmente incoraggeranno un’altra caduta potenzialmente sostenibile sotto la maniglia dei $ 50.

L’oro si è consolidato nell’intervallo di $ 1570 / $ 1580 dato che gli investitori hanno preferito tenere un piede nel metallo prezioso per rimanere coperti contro il rischio di un’ulteriore svendita del mercato a causa degli alti e dei bassi del coronavirus.

L’indice del dollaro è salito a 99.15 mentre l’inflazione negli Stati Uniti è avanzata più rapidamente di quanto previsto al 2,5% nel mese di gennaio, rispetto al 2,4% previsto dagli analisti e al 2,3% del mese precedente. La crescita è stata principalmente sostenuta da un salto dei prezzi della benzina di quasi il 13%, quindi dovrebbe riaggiustarsi al ribasso nelle prossime settimane prima di tradursi in aspettative di una Fed pronta alla linea dura.

L’euro è crollato a 1.0838 nei confronti del dollaro. Gli indicatori di trend e di momentum rimangono comodamente negativi, ma l’indice di forza relativa (al 21,75%) avverte che la moneta unica potrebbe essere stato venduta troppo in fretta in un periodo di tempo troppo breve e che potrebbe presto essere il momento per una correzione rialzista. Il supporto si osserva prima di quota 1.08.

La sterlina britannica è stata un po’ scossa giovedì dalla partenza inaspettata del ministro delle Finanze Sajid Javid – che tra l’altro è stato il ministro delle Finanze in carica per il periodo più breve nella storia del Regno Unito – per poi rimbalzare oltre il marchio di 1.30 dopo le notizie che Rishi Sunak, che è stato coinvolto nella realizzazione del bilancio di marzo, è stato nominato. L’oscillazione al ribasso nella sterlina a causa degli imbrogli politici non è la prima e probabilmente non sarà l’ultima, mentre ci inoltriamo nella fase critica dei negoziati Brexit. Mentre il potrebbe trovare un po’ di forza per estendere il recupero al di sopra del livello di 1.30, certamente troverà delle difficoltà per rimanere sostenibile al di sopra di questo livello.

Il è piombato sotto il marchio dei 7500 punti giovedì e certamente si consoliderà sotto questo livello prima della campana di chiusura settimanale, anche se si prevede per l’indice delle blue-chip un inizio marginalmente positivo nella sessione di venerdì.





Source link

TRANSLATE PAGE »
%d bloggers like this: