fbpx


L’azionario, con prospettive di banche centrali sempre più accomodanti e dati sul mercato del lavoro USA nettamente superiori alle attese, ha continuato a spingere al rialzo letteralmente volando sulle ali dell’ottimismo. Ma così tante buone notizie ora andranno valutate con attenzione e quello che inizialmente sembrava un consolidamento potrebbe assumere connotati di vera e propria correzione.

Probabilmente è incredibile soltanto pensarlo, visto ciò che sta succedendo, ma propensione e avversione al rischio sono due sentimenti che possono prendere il sopravvento senza il minimo preavviso. Stamattina, ad esempio, vi sono dei segnali di un ritracciamento a breve termine dei rendimenti obbligazionari e gli effetti cominciano a farsi apprezzare anche sul valutario. Non solo, come detto anche l’azionario sta iniziando a perdere un po’ di smalto, con discese mattutine importanti.

Tornando sui rendimenti, un “appiattimento della curva” (in cui i rendimenti più lunghi scendono più rapidamente di quelli con scadenze più brevi) è un sintomo negativo per la propensione al rischio. Nelle ultime 24 ore tra l’altro abbiamo visto lo yen in modalità di rifugio, ma anche il dollaro USA sta registrando un recupero importante soprattutto rispetto alle valute legate alle materie prime. Questi movimenti non devono però trarre in inganno perché siamo pur sempre su massimi pluriennali (AUD, NZD ed EUR) rispetto al biglietto verde.

In virtù del fatto che il FOMC sta per iniziare la riunione di due giorni che porterà alla decisione di mercoledì, il sell-off del dollaro è stato bloccato. Ma è vera interruzione o semplice movimento di consolidamento in vista di un appuntamento cruciale?

Passando al calendario economico oggi è abbastanza soft. Abbiamo avuto il PIL del primo trimestre Eurozona e si tratta della terza lettura che ha visto un -3.6% rispetto al -3.8% della seconda lettura. Nella sessione degli Stati Uniti le aperture di posti di lavoro JOLTS per aprile dovrebbero certificare un calo del -13% ovvero 5,375 milioni (dai 6,191 milioni di marzo).

Azionario in fase di correzione giornaliera e il dollaro riprende quota

Azionario in fase di correzione giornaliera e il Dollaro riprende quota

Responsabilità: Fusion Media would like to remind you that the data contained in this website is not necessarily real-time nor accurate. All CFDs (stocks, indexes, futures) and Forex prices are not provided by exchanges but rather by market makers, and so prices may not be accurate and may differ from the actual market price, meaning prices are indicative and not appropriate for trading purposes. Therefore Fusion Media doesn`t bear any responsibility for any trading losses you might incur as a result of using this data.

Fusion Media or anyone involved with Fusion Media will not accept any liability for loss or damage as a result of reliance on the information including data, quotes, charts and buy/sell signals contained within this website. Please be fully informed regarding the risks and costs associated with trading the financial markets, it is one of the riskiest investment forms possible.





Source link

REGISTRATI ORA

Submit Your Information & Learn More

%d bloggers like this: