fbpx


Per Banca Mediolanu e per tutto il settore del risparmio gestito 2019 è stato un anno molto buono. Basti pensare che Azimut Holding è stata la migliore del listino con un rialzo superiore al 120% (Azimut Holding si confermerà regina del Ftse Mib 40 grazie a Goldman Sachs?), Banca Mediolanum ha avuto una performance di oltre l’80% e Banca Generali ha visto le sue azioni aumentare il loro valore di oltre il 60% (Guadagnare nel 2020 il 100% con Banca Generali. Dove comprare?). Solo Finecobank ha fatto peggio sia del Ftse Mib che del settore di riferimento in quanto ha vissuto la separazione da Unicredit (Il conto Fineco non è più gratuito. Quale impatto sull’azione Finecobank?).

Quali sono stati i motivi di questo rialzo? Innanzitutto il settore ha sfruttato il rialzo di tutto il Ftse Mib. Lo scenario macroeconomico, poi, ha avuto anche il suo impatto. I tassi bassi, infatti, hanno praticamente azzerati la redditività dei conti deposito e delle obbligazioni favorendo la raccolta dei fondi comuni. Inoltre, il settore del risparmio gestito, secondo MilanoFinanza, sarebbe in odore di consolidamento e questo favorisce il rialzo dei titoli del risparmio gestito.

Se il quadro generale vede il settore del risparmio gestito col vento in poppa, dove potrà arrivare nel 2020?

Nel caso specifico di Banca Mediolanum, poi, c’è anche la vicenda Medionca in ballo che potrebbe avere interessanti sviluppi.

Aggiornamenti e articoli precedenti su Banca Mediolanum sono disponibili al link seguente, clicca qui.

Analisi grafica e previsionale sul titolo Banca Mediolanum

Banca Mediolanum  (BMED) ha chiuso la seduta del 30 dicembre in ribasso dello 0,90% rispetto alla seduta precedente, a quota 8,855€.

La seduta del 30 dicembre, ultima del 2019, ha visto le quotazioni chiudere al ribasso, ma soprattutto sotto il supporto in area 8,9012€. Questa chiusura potrebbe favorire un ritracciamento fino all’importantissimo supporto in area 7,6833€ (I° obiettivo di prezzo). La tenuta di questo livello in chiusura mensile potrebbe favorire una ripartenza del rialzo verso gli altri obiettivi rialzisti indicati in figura: 10,8634€ (II° obiettivo di prezzo) prima e 14,0705€ (III° obiettivo di prezzo) successivamente. Solo una chiusura mensile sotto 7,6833€ metterebbe in crisi lo scenario rialzista favorendo un’inversione al ribasso.

Conclusione: ci sono tutti i presupposti per un 2020 tutto al rialzo per Banca Mediolanum purché resista il supporto in area 7,6833€. Una possibile strategia operativa potrebbe essere quella di acquistare in area 7,6833€ con stop rigido nel caso di chiusure mensili inferiori a questo valore.

Banca Mediolanum

Banca Mediolanum: proiezione rialzista in corso sul time frame mensile. La linea blu rappresenta i livelli di Running Bisector; la linea rossa i livelli de La Nuova Legge della Vibrazione



Source link

REGISTRATI ORA

Submit Your Information & Learn More

%d bloggers like this: