fbpx



MILANO – Ore 9.20. Le Borse proseguono nel solco della giornata di ieri e puntano anche oggi verso l’alto, sostenute dall’ottimismo per i progressi condotti con i piani di vaccinazione da parte dei Paesi e in attesa del maxi piano di aiuti voluto dal neo presidente Usa Joe Biden per sostenere l’economia Usa. Gli indici europei sono così tutti proiettati al rialzo: Milano sale dello 0,06%, Londra cresce dello 0,6%, Francoforte dello 0,13% e Parigi dello 0,1%. Sullo stesso trend si muovono anche i listini asiatici, con Tokyo che ha chiuso a +1,28%, nuovo massimo da 30 anni.

A correre ieri sono stati soprattutto i titoli del comparto petrolifero, trainati dal rialzo dei prezzi del greggio, con il Wti ormai stabile sopra i 60 dollari e il Brent a 63,20 dopo avere toccato i massimi da gennaio 2020. A incidere, l’ondata di freddo che ha spinto a un aumento dei consumi energetici e costretto a chiudere molte raffinerie del Texas e le rinnovate tensioni tra Arabia Saudita e Yemen.

Sulla sponda italiana lo spread resta osservato speciale con le prime tensioni avvertite all’interno del nuovo governo Draghi, già alle prese con il rebus delle riaperture. Il differenziale in mattinata si posiziona a quota 91 punti con il rendimento del titolo decennale italiano allo 0,52%.

Prosegue la corsa del Bitcoin, arrivato a sfiorare di un soffio quota 50 mila dollari e poi ripiegando legermente. La crptovaluta, oltre ad aggionare nuovamente il proprio massimo, ha messo a segno soltanto nella ultima settimana un rialzo del 20% e del 60% dall’inizio dell’anno.

Meno montagne russe invece nel mondo delle valute tradizionali, con l’euro che sale a 1,2138 dollari e 128,09 yen e la valuta Usa che arretra leggermente sulla scia dell’ottimismo sui vaccini che spinge gli investitori verso asset più rischiosi e a rendimenti più alti.

 

 

 



Source link

REGISTRATI ORA
%d bloggers like this: