fbpx


Il business della cosmetica attira l’interesse di nuovi investitori e assicura ottime prospettive di crescita per il 2020. Con un fatturato pari a 450 miliardi di euro nel 2018 nel settore lusso e della cosmesi, promette una crescita del 5% annuo nel prossimo quinquennio. Presentano maggiori potenzialità i prodotti premium ed entry-to-luxury destinati ad un bacino di consumatori ampio perché poco costosi. Questo lo scenario informativo offerto dall’indagine “The luxury and cosmetics financial factbook – Tailoring the luxury experience” di EY.

Roberto Bonacina, esperto di Fashion & Luxury evidenza il dinamismo del mercato della bellezza: gli investitori finanziari coinvolti nel 2016 con il 25% delle operazioni, attualmente sono attivi nel 40% delle transazioni. Ciò perché, spiega Elena De Cò, Associate Partner, Head of EY Strategy Fashion & Luxury, si sono registrati margini elevati e uno progressivo aumento dei consumatori.

La parabola discendente del settore lusso in relazione al numero delle operazioni è un dato di fatto che invita a riflettere. Il business della cosmetica garantisce maggiore affidabilità rispetto a quello della moda sempre costretto a fronteggiare la concorrenza delle nuove collezioni.

Un fatturato di 11 miliardi per il business della cosmetica

A conferma del ruolo trainante del settore cosmetica giungono i sorprendenti dati forniti dal presidente di Cosmetica Italia Renato Ancorotti. Ammonta a 11 miliardi di euro il fatturato annuo della cosmesi italiana e vale 15,5 miliardi quello della filiera nel suo insieme. Identico la prospettiva offerta da “Esportare la Dolce Vita” nella relazione stilata dal Centro Studi di Confindustria con il sostegno di Sace Simest.

Traguardi considerevoli che dicono il dinamismo del mercato italiano della bellezza soprattutto in Lombardia. Regione capofila del business del beauty, vanta una crescita da gennaio a giugno 2019 di +8,2% del fatturato totale nazionale.

Dai dati provenienti dalla Camera di Commercio di Milano Monza Brianza Lodi e di Promos si apprende che nel capoluogo sono stati totalizzati 670 milioni di euro. Seguono a ruota Bergamo, Monza Brianza e Lodi.

Altro dall’autore: Su Amazon si compra con il palmo della mano. Quali rischi per i clienti?



Source link

REGISTRATI ORA
TRANSLATE

Submit Your Information & Learn More

%d bloggers like this: