fbpx


Piante e fiori possono essere considerati dei veri e propri elementi d’arredo che contribuiscono a rendere la casa un ambiente bello, allegro e confortevole. Ora che i grigi nuvoloni invernali cominciano a sfrangiarsi e finalmente si riescono ad intravedere i primi raggi di sole, la primavera non appare più un miraggio. Guardando giardini, terrazzi e balconi delle nostre case possiamo già iniziare a immaginarli inondati di fiori profumati e piante verdeggianti. Febbraio è il mese giusto per decidere se utilizzare vasi o fioriere e stabilire dove posizionarli. Le fioriere arredano meglio giardini e terrazzi che con un po’ di fantasia possono trasformare angoli spogli in scorci colorati e particolari. Possono ospitare piante anche di grandi dimensioni. In base allo stile dell’ambiente e al tipo di fiori o piante che sceglieremo, occorrerà valutarne i materiali e le forme migliori.

ProiezionidiBorsa TV

Come scegliere la fioriera perfetta per terrazzi e giardini splendidi?

Le fioriere ideali devono riuscire a coniugare estetica e funzionalità. Un fattore importante è sceglierle abbastanza grandi per consentire un adeguato sviluppo delle radici. Ne esistono da interni e da esterni, modelli da balcone agganciabili a ringhiere e balaustre, a muro per sfruttare la parete in altezza o con spalliera perfette per piante rampicanti.

Smartwatch

Uno dei primi fattori da prendere in considerazione però è la scelta del materiale. Il legno ad esempio è molto usato per le fioriere da esterni, regala un effetto rustico creando un ambiente molto accogliente. Può ospitare qualsiasi pianta ed è isolante permettendo al terriccio di traspirare. È però piuttosto dispendioso e richiede manutenzione, le fioriere devono essere impregnate e riverniciate periodicamente.

Molto usata è anche la terracotta, un materiale robusto, economico e poroso che permette alle radici di essere più a contatto con l’aria. Dato il peso bisogna fare attenzione a dove si colloca, da evitare in balconi condominiali. In giardino invece non creerà problemi e potrà contenere anche piante di grosse dimensioni e che non amano un’eccessiva umidità. È  traspirante ma poco coibentante. Andrebbe trattata anch’essa con prodotti antigelo onde evitare che si spacchi.

Materiali economici

Il materiale più economico, versatile e leggero è certamente la plastica. Si presta perfettamente per fioriere poste su balconi o terrazze ma non è traspirante quindi comporta rinvasi più frequenti. Inoltre se di scarsa qualità col tempo si può sbiadire o addirittura sgretolare, infine teme gli urti. Se utilizzata per piante molto grandi, le loro radici crescendo potrebbero deformarla.

Un compromesso tra plastica e terracotta è la resina. Leggera e al contempo indistruttibile è adatta per interni ed esterni ma anch’essa non è traspirante. Come la plastica può accogliere qualsiasi pianta ma entrambe sono preferibili per quelle che richiedono umidità costante, poiché rallentano l’evaporazione dal terriccio. Alcuni modelli sono dotati anche di riserva d’acqua sul fondo. Si possono trovare dei colori e delle forme più disparate e possono riprodurre la texture di altri materiali. Non richiedono una gran manutenzione e resistono a tutte le condizioni atmosferiche. Se usate per esterni sono perfette per gerani, piante grasse di tutti i tipi, surfinie, ortensie e rampicanti come il gelsomino.

Le fioriere in cemento invece sono pesanti e ingombranti pertanto si prestano bene per spazi ampi come cortili o giardini. Nonostante ciò esistono modelli più piccini che possono ospitare comunque piante come le erbe aromatiche. Si prestano bene ad accogliere al loro interno alberi da frutto, bouganville, e piante grasse. Il vantaggio è che sono davvero molto resistenti, non scoloriscono né risentono degli agenti atmosferici per cui non richiedono una manutenzione impegnativa. Se ne possono trovare modelli di design perfetti per ambienti moderni e stilosi.
Ora sappiamo come scegliere la fioriera perfetta per terrazzi e giardini splendidi!



Source link

REGISTRATI ORA
%d bloggers like this: