fbpx


I titoli Small Cap possono riservare grosse sorprese a chi vuole guadagnare investendo sui mercati. E quando i dividendi sono superiori al 6% allora le cose cominciano ad essere davvero appetibili. Non solo, i due titoli che andremo ad analizzare possono contare anche sul fattore sottovalutazione, determinante nella maggior parte dei casi per un outlook positivo sulla crescita dei profitti.

I vantaggi offerti da una bassa capitalizzazione di mercato

Le azioni a bassa capitalizzazione di mercato (max 2 miliardi di dollari) godono di una nutrita schiera di fan e i motivi sono abbastanza noti. Un approccio aziendale più focalizzato e settorializzato con un management più diretto. Oltre ad una maggiore flessibilità nella gestione delle attività.

Le statistiche indicano che sulla lunga distanza le Small Cap hanno sovraperformato rispetto alle Large Cap.  Anzi quasi doppiato, visto che si parla di un 10,3% contro il 5,2% su base annuale a partire dagli anni 90 ad oggi.

I 2 titoli con dividendi superiori al 6%

Il primo caso di studio è una BDC (Business Development Company), cioè società di sviluppo aziendale. Stellus Capital Investment (NYSE:SCM) ha un market cap di appena 272 milioni di dollari, ma è molto attiva nel su settore, soprattutto per il target delle aziende in asset. Sono quasi tutte con bilanci positivi e questo per una società del genere è un grosso vantaggio.

Il punto di forza è sicuramente il rendimento annuale da dividendo del 9.45% con distribuzione mensile. Oltre a ciò risulta anche sottovalutata del 47,5%, in base alla sua chiusura di contrattazioni del 15 gennaio a quota 14.39 e il fair value di 21.23 dollari.

Il business dell’energia prodotta dai rifiuti

Covanta Holding Corporation (NYSE:CVA) è una società del settore EFW (Energy From Waste), che produce energia dallo smaltimento dei rifiuti per poi rivenderla. Si capisce subito che il settore in cui opera offre potenzialità enormi, vista la situazione attuale e anche l’attenzione crescente su questo tema.

I numeri della società sono impressionanti: 20 milioni di tonnellate di rifiuti riciclati all’anno e una produzione di energia che potrebbe alimentare oltre un milione di abitazioni. La capitalizzazione dell’azienda è di circa 2 miliardi e il rendimento da dividendo è del 6,57% su base annuale con distribuzione trimestrale. Anche Covanta può beneficiare di grosse potenzialità grazie alla sua sottovalutazione. Il 31,1% per la precisione, dato dal fair value stimato di 19,96 dollari e il prezzo attuale di 15,22$.



Source link

REGISTRATI ORA
%d bloggers like this: