fbpx


Siamo ormai arrivati alla fine dell’anno, momento nel quale gli analisti di tutto il mondo pubblicano le loro analisi e sentiment sullo sviluppo dei Mercati il prossimo anno. Ovviamente non potevo esimermi, quindi ecco qualche spunto su come e dove concentrare gli investimenti nel 2020.

Il 2019 si appresta a chiudersi con un rialzo davvero corposo, ormai praticamente superiore al 20%.

E allora andiamo a vedere nell’articolo di oggi quale è la situazione generale delle principali classi di investimento. E quali sono, tra questi, quelli più promettenti.

Dove investire nel 2020, la situazione delle azioni.

Le azioni restano a mio avviso il miglior investimento nell’anno che sta arrivando.I profitti societari restano molto buoni a livello globale, trainati dai fortissimi aumenti della produttività. In questo, la tecnologia continua ad essere il fulcro di tutto. Se la tecnologia continuerà ad offrire ai produttori risparmi di costo e ottimizzazione dei processi allora la produttività resterà alta e lo stesso accadrà ai profitti. E’ vero che le azioni in alcuni Paesi iniziano ad essere care e sto parlando ovviamente dell’America. Ma se consideriamo i bassi tassi di interesse queste valutazioni non sembrano così alte. Inoltre, Europa ed emergenti non sono poi così cari.Quali sono i rischi per l’azionario?Principalmente le tensioni commerciali tra USA e Cina (e anche tra USA ed Europa). Se ci sarà un’escalation, con nuovi dazi e nuovi fronti aperti da Trump, allora per le imprese i profitti potrebbero iniziare ad erodersi troppo e i mercati non reagirebbero bene. Un altro pericolo sarebbe sicuramente un deciso aumento dei tassi di interesse. Ma questa non sembra un’eventualità particolarmente probabile. Nonostante questi rischi, come detto, per me le azioni restano un ottimo investimento. A livello dei vari comparti non ho una particolare predilizione per un’area piuttosto che un’altra. Sebbene azioni europee ed emergenti dovrebbero battere l’America in linea di massima e secondo buon senso, non penserei proprio a ridimensionare l’esposizione agli USA, che restano ancora l’economia e il mercato azionario trainante. La cosa migliore è essere ben diversificati.

Dove investire nel 2020: le obbligazioni

Sulle obbligazioni ho invece una visione diversa e non ritengo questa classe di investimento particolarmente interessante.

I tassi restano sempre ai minimi storici. In molti Paesi sono negativi anche su lunghe scadenze, mentre su quelle brevi i rendimenti sono negativi, tra gli altri, in Svizzera, Giappone e gran parte dei Paesi europei.

In questa situazione come possiamo aspettarci che scendano ancora? Già in diversi Paesi banche e assicurazioni iniziano ad essere molto insofferenti a questa situazione storicamente anomala.

Sia chiaro, date le condizioni dell’economia non mi aspetto nemmeno che i tassi possano iniziare a salire repentinamente.

Quello che mi aspetto è una situazione abbastanza “neutrale” dei tassi. Ma poiché in valore assoluto i rendimenti sono molto bassi (o negativi), difficile attendersi grandi performance dai bond.

Su questa classe di investimento suggerisco quindi di non prendere posizioni eccessivamente lunghe. In questa situazione le obbligazioni sono per me buone solo per dare stabilità al portafoglio. Se questo è l’obiettivo che hai allora tieni pure una buona quota di portafoglio in bond. Delle buone opzioni possono essere i titoli a tasso variabile e gli inflation linked.

Ma se cerchi rendimento, guarda altrove!

Dove investire nel 2020: oro, immobiliare e altro

L’oro tende ugualmente ad essere in una posizione neutrale. Il metallo giallo soffre quando i tassi salgono molto, perché il rendimento è il principale antagonista dell’oro.Se i tassi non possono salire più di tanto, allora i rischi dell’oro sono abbastanza contenuti. Allo stesso tempo, però, se i tassi non possono scendere troppo manca anche una spinta al rialzo. Solo qualche tensione geopolitica potrebbe, a mio avviso, dare una fiammata all’oro.Una situazione migliore, invece, la troviamo sull’immobiliare. Su questo fronte i prezzi continuano a salire a livello internazionale e le cedole derivanti dagli affitti sono molto competitive con quelle delle obbligazioni, visto che queste ultime come già detto sono negative o prossime allo zero. Data questa situazione, il real estate resta un buon terreno di caccia per investire. Se vuoi una buona diversificazione ed esposizione globale, fallo tramite un ETF Real Estate mondiale.Il petrolio è ora in ripresa, ma i prezzi restano generalmente bassi. Inoltre, nonostante le oscillazioni spesso notevoli sul petrolio attualmente i prezzi sono sugli stessi livelli della seconda parte del 2015. In assenza di pressioni inflazionistiche, anche il petrolio non dovrebbe avere impennate di prezzo vertiginose.

Dove investire nel 2020: Le valute.

Il cambio euro/dollaro è in discesa ormai dall’inizio del 2018. Allora il cambio raggiunse 1,25, oggi siamo poco sotto 1,11.

Il motivo di questa forza del dollaro è essenzialmente che i tassi sono potuti restare abbastanza alti rispetto a quelli europei. Questo anche per via della maggior crescita americana.

Ora però anche i tassi americani sono in discesa. Io credo che ci sia ancora un po’ di spazio per un apprezzamento del dollaro, però buona parte del percorso è stato già fatto.

Prima di concludere voglio però ricordarti una cosa che dico sempre quando faccio questa analisi di fine anno.

Tutte queste conclusioni sono basate sulla situazione attuale. Spesso basta poco per invertire la situazione. Quindi nel corso dell’anno dovremo sempre tenere sotto controllo i mercati per valutare l’evoluzione della situazione.

Buon Natale e un meraviglioso inizio di anno nuovo!

Gianluca Sidoti





Source link

REGISTRATI ORA

Submit Your Information & Learn More

%d bloggers like this: