fbpx


Chiunque abbia un gatto avrà probabilmente vergogna ad ammetterlo, ma chiacchierare con lui (o lei) è una routine consolidata e piacevole. Può sembrare un comportamento da pazzi, ma non è assolutamente così, anzi. Parlare con i gatti è importante per molte ragioni.

Vediamo dunque perché si può parlare con i gatti. In primo luogo, è stato dimostrato che parlare col proprio animale domestico aiuta a non sentirsi soli. In secondo luogo, e non è scontato, anche se il gatto non comprende il significato delle nostre parole, ci sono altri elementi del linguaggio che gli permettono di comprendere quello che si desidera comunicare, come ad esempio il tono di voce, la gestualità, ma anche la postura.

Esattamente come i cani, anche i gatti riescono a percepire il nostro stato emotivo. I gatti riescono, infine, a comprendere il significato di alcune parole per associazione. Se si ripete sempre la parola “pappa” prima di dar da mangiare al proprio gatto, quest’ultimo imparerà ad associare la parola all’azione corrispondente. Questo è anche uno dei segreti dell’addestramento dei gatti.

Lo stesso vale al contrario. Infatti, anche noi non siamo in grado di comprendere il significato di un singolo “miao”. Tuttavia, col tempo si impara a riconoscere un miagolio dall’altro, sempre sfruttando altri fattori, come il tono, la durata e via dicendo.  Differenziare un miagolio dall’altro consente anche di comprendere i bisogni dell’animale domestico. C’è un miagolio per quando ha fame, uno per quando vuole aprire la finestra del balcone e uno ancora quando non si sente bene o vuole giocare.

Ecco perché si può parlare con i gatti

In natura i gatti miagolano di rado. Solitamente preferiscono altre forme di comunicazione e si relazionano al mondo esterno sfruttando l’olfatto e il linguaggio del corpo. Il miagolio così come lo conoscono i “padroncini” è quindi una forma di comunicazione che i gatti riservano soprattutto agli umani. Ecco perché non solo si può parlare con i gatti, ma loro sono anche in grado di rispondere.

Incredibile ma vero, esistono poi delle app in grado di codificare e classificare i miagolii grazie a intelligenza artificiale, apprendimento automatico e feedback degli utenti (MeowTalk). Altre ancora trasformano la voce umana in veri e propri miagolii (Ciao-Miao). Ecco dunque spiegato perché si può parlare con i gatti.



Source link

REGISTRATI ORA
%d bloggers like this: