fbpx



Di Mauro Speranza

Investing.com – Non si ferma l’attività da ‘cripto influencer’ di Elon Musk sulle valute digitali tramite Twitter, ma stavolta decide di spingere il basso il Dogecoin, nelle settimane scorse esaltato dal patron di Tesla (NASDAQ:).

“Se i maggiori possessori di Dogecoin vendono la maggior parte dei loro token, avranno il mio pieno sostegno. Troppa concentrazione è l’unico vero problema secondo me”, ha twittato Musk.

Il tweet ha attirato le vendite sul , in questo momento in crollo del 14% a 0,55 dollari, dopo aver toccato un minimo di 0,49 dollari nel post tweet alle 3 del mattino.

Ricordiamo che il Dogecoin valeva circa 0,010 dollari all’inizio dell’anno, ma poi è esploso verso un massimo storico di 0,078 dollari la scorsa settimana, moltiplicando il suo valore per poco meno di 8 in circa 1 mese, .

La reazione del Bitcoin

Ma ciò che è più interessante è che il post di Musk sul Dogecoin sembra aver avuto un impatto anche sul . Infatti, la principale delle cripto, dopo essersi avvicinato alla soglia dei 50.000 dollari ieri, ha iniziato a correggere più o meno alla stessa ora del Dogecoin ieri sera, passando da circa 49.000 a 46.500 dollari intorno alle 5 del mattino, un calo di oltre il 5%.

Nel frattempo, il Bitcoin ha visto nel fine settimana la decisione di Morgan Stanley (NYSE:) di studiare la possibilità di includere la cripto nei suoi investimenti da proporre ai propri clienti

Già la scorsa settimana, BNY Mellon ha annunciato che avrebbe sviluppato un servizio di legato alle criptovalute per i suoi clienti.

Inoltre, Daniel Pinto, co-presidente di JPMorgan ha riferito la scorsa settimana su alcune voci riportate dalla CNBC che apriva sul Bitcoin. Alla richiesta della CNBC di chiarire i suoi commenti, Pinto ha spiegato che la decisione dell’azienda sarebbe stata presa alla richiesta arrivata da un numero consistente di clienti circa la loro volontà di possedere Bitcoin.

“Se, nel tempo, si svilupperà un’asset class che sarà utilizzata da diversi gestori e investitori, dovremo essere coinvolti”, ha aggiunto Pinto in un’intervista, aggiungendo che “la domanda non c’è ancora, ma sono sicuro che ad un certo punto lo arriverà”.

In sintesi, l’interesse delle banche e degli investitori istituzionali in Bitcoin continua a crescere. Ma a questo punto, la domanda da porsi è se questo sarà sufficiente a spingere il Bitcoin oltre la barriera dei 50.000 dollari, o se sarà necessario un altro catalizzatore significativo, come la creazione di un ETF.

Responsabilità: Fusion Media would like to remind you that the data contained in this website is not necessarily real-time nor accurate. All CFDs (stocks, indexes, futures) and Forex prices are not provided by exchanges but rather by market makers, and so prices may not be accurate and may differ from the actual market price, meaning prices are indicative and not appropriate for trading purposes. Therefore Fusion Media doesn`t bear any responsibility for any trading losses you might incur as a result of using this data.

Fusion Media or anyone involved with Fusion Media will not accept any liability for loss or damage as a result of reliance on the information including data, quotes, charts and buy/sell signals contained within this website. Please be fully informed regarding the risks and costs associated with trading the financial markets, it is one of the riskiest investment forms possible.





Source link

REGISTRATI ORA