fbpx


Chip introvabili che valgono oro: General Motors chiude temporaneamente tre fabbriche

Altro che corsa all’oro…questa è la corsa ai chip, ormai preziosissimi e introvabili.

General Motors (NYSE:) interromperà temporaneamente la produzione in tre stabilimenti e taglierà la produzione in una quarta fabbrica a causa della carenza globale di semiconduttori.

Da lunedi 8 febbraio, GM sospenderà la produzione in una fabbrica in Kansas, negli Usa, in un’altra nell’Ontario, in Canada, e in una terza a San Luis Potosi, in Messico.

Uno stabilimento in Corea del Sud sarà gestito a metà produzione.

Una crisi globaleL’annuncio del colosso americano – che detiene marchi come Chevrolet, Cadillac, Buick e altri – è l’ultimo effetto a catena di una crisi globale delle forniture che è derivata, in gran parte, da una domanda fuori mercato di chip – componenti fondamentali della produzione automobilistica – ora usati anche per le console di gioco e altra elettronica di consumo, che ha avuto una clamorosa impennata di vendite in questo periodo di pandemia.

L’inconfondibile simbolo GM, nella sede di Detroit.
Paul Sancya/Copyright 2020 The Associated Press. All rights reserved

Huawei “accantona” i chipA livello mondiale è soprattutto la società cinese Huawei ad essersi accaparrata chip per il valore di miliardi di dollari, temendo un’escalation della guerra commerciale tra Usa e Cina.

Tra i maggiori produttori mondiali di chip, ci sono l’azienda di Taiwan TSMC (Taiwan Semiconductor Manufacturing Company) e la sud-coreana Samsung.Il principale produttore europeo di chip – in particolare, per utilizzo-automotive – è Infineon, azienda tedesca.

Produzione a picco per tuttiCon la penuria di semiconduttori, difficoltà anche per Ford e Nissan, che hanno già annunciato tagli alla produzione e licenziamenti.Guai anche per la Cina, la cui produzione di veicoli potrebbe diminuire di 250.000 unità nel primo trimestre 2021.L’Europa potrebbe perdere 100.000 unità negli stessi tre mesi (nonostante le previsioni di ripresa annunciate da Acea (MI:), l’Associazione dei costruttori), con effetti negativi che colpiranno perfino i costruttori di Nord America, Giappone e India.

Chevrolet è un marchio del gruppo General Motors.
David Zalubowski/Copyright 2020 The Associated Press. All rights reserved.

Se la carenza di semiconduttori dovesse continuare…General Motors ha descritto le forniture di chip come “molto fluide”, aggiungendo che, nonostante gli sforzi per mitigare le ricadute, “la carenza di semiconduttori avrà un impatto sulla produzione GM nel 2021”.

“Stiamo valutando l’impatto complessivo, ma il nostro obiettivo è quello di continuare a produrre i nostri prodotti più richiesti, compresi i camion e i Suv full-size e le Corvette”, fanno sapere dal quartier generale di GM, con un comunicato stampa.

“Il personale negli stabilimenti GM negli Stati Uniti e in Canada continuerà, almeno per ora, a ricevere i benefici garantiti dai loro contratti, generalmente circa il 75% del loro stipendio”, ha spiegato un rappresentante sindacale.

Responsabilità: Fusion Media would like to remind you that the data contained in this website is not necessarily real-time nor accurate. All CFDs (stocks, indexes, futures) and Forex prices are not provided by exchanges but rather by market makers, and so prices may not be accurate and may differ from the actual market price, meaning prices are indicative and not appropriate for trading purposes. Therefore Fusion Media doesn`t bear any responsibility for any trading losses you might incur as a result of using this data.

Fusion Media or anyone involved with Fusion Media will not accept any liability for loss or damage as a result of reliance on the information including data, quotes, charts and buy/sell signals contained within this website. Please be fully informed regarding the risks and costs associated with trading the financial markets, it is one of the riskiest investment forms possible.





Source link

REGISTRATI ORA