fbpx


Gli ospedali del Regno Unito si trovano ad affrontare una situazione molto complicata nel mese di gennaio.

Gli operatori sanitari sono alle prese con una nuova ondata di infezioni da coronavirus della nuova variante inglese.

Le autorità spingono per riaprire gli ospedali da campo, che erano stati chiusi, per riuscire a gestire un numero esorbitante di pazienti.

Venerdì scorso il Regno Unito ha registrato altre 53.285 nuove infezioni, leggermente in calo rispetto ai 55.892 nei giorni precedenti.

Recentemente il Regno Unito ha registrato i numeri più alti da quando è iniziata la pandemia, tutti superiori a 50.000 al giorno, circa il doppio rispetto a qualche settimana fa.

Un alto dirigente del sistema sanitario nazionale ha dichiarato che il Regno Unito “Si trova nell’occhio del ciclone ed è esasperante vedere persone che non seguono la guida sociale e non indossano mascherine “

Medici e politici in Inghilterra sono preoccupati dal fatto che i britannici non stanno collaborando rispettando le regole.

Si attribuisce il picco di nuovi casi alla nuova variante più contagiosa del virus scoperta per la prima volta a Londra e nel sud est dell’Inghilterra.

Visto il tempo che passa tra i nuovi casi e i ricoveri ospedalieri e i decessi da Covid 19, ci sono enormi preoccupazioni sul proseguo della pandemia nel prossimo mese o due.

La Gran Bretagna ha già il secondo più alto tasso di mortalità per virus in Europa con 74.125 morti con gli ultimi 613 decessi registrati venerdì.

L’Inghilterra e l’Italia sono i due paesi più colpiti a livello di mortalità In Europa.

La strategia seguita dalle autorità britanniche per contrastare il picco di nuove infezioni è stata quella di dare la prima dose di vaccino più persone possibile, e di ritardare quindi la seconda dose, di almeno tre mesi ai primi ai quali era stata inoculata.

In una dichiarazione congiunta dei responsabili del servizio sanitario nazionale di Inghilterra, Scozia, Galles e Irlanda del nord hanno comunicato che la prima dose di vaccino offre già una sostanziale protezione.
Attualmente due vaccini sono stati approvati per l’uso nel Regno unito ed entrambi richiedono due dosi per persona.

Circa un milione di persone ha ricevuto la prima dose del vaccino sviluppato dall’azienda farmaceutica americana Pfizer e dall’azienda biotecnologica tedesca BioNTech, solo una piccola minoranza ha ricevuto anche la seconda dose dopo 21 giorni.

All’inizio di questa settimana la Gran Bretagna ha anche approvato un vaccino sviluppato dall’università di Oxford e dall’azienda farmaceutica AstraZeneca che è sostanzialmente più economico e anche più facile da usare.
Per poter raggiungere un maggior numero di persone che ricevono la prima dose di vaccino è stato deciso di ritardare la seconda dose del vaccino da tre settimane a 12 settimane.

Nella realtà la seconda dose di vaccino non aumenta di tanto l’immunità, la gran parte della protezione dalla malattia avviene dopo la prima dose di vaccino questo è quello che hanno comunicato fonti mediche.

Concludo con una mia nota personale “Questa uscita dal problema covid se paragonata ad una corsa sarà più una maratona che una gara sui 100 m “

Resta comunque la mia opinione alla fine 100 m o maratona la vittoria sarà raggiunta.



Source link

REGISTRATI ORA
%d bloggers like this: