fbpx


Con la situazione Brexit ormai risolta, l’accordo di stimolo degli Stati Uniti approvato e il lancio globale del vaccino, i mercati finanziari stanno per concludere un anno incredibilmente caotico ma con toni sorprendentemente ottimisti.

L’ è salito del 15% nel 2020, mentre il dollaro USA non riesce a riprendersi in quanto considerato tutt’ora valuta rifugio. È surreale, ma a quanto pare anche una pandemia letale e una feroce recessione non possono competere con tassi di interesse bassissimi abbinati a spese governative elevatissime.

I mercati sono abbastanza tranquilli a causa delle festività, difatti la liquidità scarseggia rendendo difficile decifrare se gli investitori stanno reagendo ai nuovi sviluppi o se le ultime mosse sono semplicemente un riflesso dei flussi di fine anno.

Tra le situazione da tenere d’occhio c’è la seguente: ieri il Senato degli Stati Uniti ha bloccato il tentativo di aumentare i pagamenti diretti agli americani a $ 2000 (dai $ 600 nel pacchetto di aiuti originario). La camera controllata dai repubblicani ha presentato la propria proposta mirata all’aumentato i controlli sull’elargizione, ma visto i nuovi vincoli allegati i democratici non lo voteranno.

L’altro elemento da non sottovalutare è che la prossima settimana ci sarà un’elezione cruciale nello stato della Georgia: determinerà quale partito controllerà il Senato. Ciò che colpisce è che, anche se il Senato ha bloccato la proposta sull’assegno, il dollaro è comunque sceso a nuovi minimi pluriennali mentre i mercati azionari sono rimasti a ridosso dei massimi assoluti. E’ l’opposto di ciò che ci si potrebbe attendere e la domanda è la seguente: è un riflesso della bassa liquidità presente o il mercato pensa che questa mossa repubblicana potrebbe ritorcersi contro e consegnare il Senato ai Democratici su un piatto d’argento?

I Democratici hanno chiesto a lungo pacchetti di aiuti più consistenti, quindi gli investitori potrebbero ragionare sul fatto che o i repubblicani chineranno la testa (approvando l’assegno da $ 2000) o l’eventuale rifiuto potrebbe aiutare i democratici a emergere vittoriosi in Georgia. Insomma, una situazione vantaggiosa in entrambe le circostanze alla fin dei conti.
Politica a parte, non c’è molto altro da dire sul fronte dati macro economici. Se ne riparlerà la prossima settimana.

Responsabilità: Fusion Media would like to remind you that the data contained in this website is not necessarily real-time nor accurate. All CFDs (stocks, indexes, futures) and Forex prices are not provided by exchanges but rather by market makers, and so prices may not be accurate and may differ from the actual market price, meaning prices are indicative and not appropriate for trading purposes. Therefore Fusion Media doesn`t bear any responsibility for any trading losses you might incur as a result of using this data.

Fusion Media or anyone involved with Fusion Media will not accept any liability for loss or damage as a result of reliance on the information including data, quotes, charts and buy/sell signals contained within this website. Please be fully informed regarding the risks and costs associated with trading the financial markets, it is one of the riskiest investment forms possible.





Source link

REGISTRATI ORA
%d bloggers like this: