fbpx


Non è una regola che i titoli più comuni e famosi siano quelli con performance migliori. C’è un titolo azionario che ha guadagnato il 30% in 2 mesi a partire da fine ottobre del 2019, che di rado è sotto i riflettori degli analisti.

E in realtà performance del genere offrono molti spunti di analisi, soprattutto quando ci si trova agli inizi di un nuovo anno con un bull market come quello in corso.

Una grossa reputazione aziendale e performance eccellenti in Borsa

Nel 1982 a San Jose in California viene fondata un’azienda che diventerà il punto riferimento per generazioni di fotografi e addetti al desktop publishing. Stiamo parlando di Adobe Incorporated (NASDAQ:ADBE), che per tutti è la società che ha creato Photoshop. Ma per gli addetti ai lavori quest’azienda ha all’attivo una miriade di soluzioni software che vanno dal video editing con Premiere, all’illustrazione professionale con Illustrator. Senza contare che di fatto è l’inventore del formato PDF, senza il quale probabilmente i mondo dell’interscambio di documenti sarebbe molto diverso.

Il guadagno del 30% in 2 mesi è un ottimo risultato

La chiusura del 9 gennaio a quota 340.45$, è il massimo storico di sempre di Adobe. Ma rappresenta anche un guadagno eccellente rispetto agli ultimi due mesi. Allo stato attuale, quindi, è importante capire quali siano le potenzialità per il futuro.

Grafico titolo azionario Adobe

La view della maggior parte degli  analisti sembra essere orientata verso ulteriori rialzi anche per il 2020. Il consensus è impostato su un moderate buy con target price max possibile a 410$. Da un punto di vista dei fondamentali sembra godere di ottima salute tutte le ultime trimestrali lo confermano.

Se dovessimo trovare un neo, sarebbe la valutazione. Al momento il titolo risulta sopravvalutato del 21.9% a causa di un fair value stimato di 279$ ca inferiore al suo attuale prezzo. Infine, a chiudere il quadro su Adobe in maniera positiva, troviamo un 38% di crescita degli utili negli ultimi 5 anni un forecast sulla loro crescita futura di circa il 17% all’anno.



Source link

REGISTRATI ORA

Submit Your Information & Learn More

%d bloggers like this: