fbpx



ROMA –  “Arcelor Mittal Italia ha presentato questa sera ai ministeri dell’Economia, dello Sviluppo economico e del Lavoro il suo nuovo piano industriale. Da alcune indiscrezioni, risulta che il piano non sarebbe lontano dall’accordo raggiunto a marzo al Tribunale di Milano, quando si chiuse il contenzioso tra Ilva in amministrazione straordinaria e ArcelorMittal”.

Lo dice il segretario della Fim-Cisl Marco Bentivogli, secondo il quale il Piano prevede 3.300 esuberi già nel 2020 e il rinvio del rifacimento dell’Altoforno 5 (Afo5).

“Non sono accettabili gli esuberi dichiarati intorno alle 3300 unità e una produzione che si assesterebbe intorno ai 6 milioni di tonnellate annue”. Secondo Bentivogli, “ArcelorMittal avrebbe fatto presente che lo scenario, rispetto all’accordo di marzo, è profondamente cambiato a causa del lockdown”.

“Ottimo alibi per ritardare ancora la ripartenza dell’Altoforno 5 e per continuare a smantellare lo stabilimento senza proseguire le opere ambientali”.

“Nel frattempo, nell’indotto non si pagano stipendi da mesi e in molti casi non arrivano le risorse degli ammortizzatori sociali. L’accordo del 6 settembre 2018 prevedeva zero esuberi e 8 milioni di tonnellate nel 2023 (mentre Arcelor Mittal, adesso, posticipa questo obiettivo al 2025). Ora arrivano esuberi, Cassa Integrazione e ritardi negli investimenti”.

“Peraltro i 10.700 al lavoro nel 2025 sono solo teorici e senza nessuna consistenza. Complimenti a chi ha tolto lo scudo penale dalla scorsa estate e ha dato un ottimo alibi all’azienda per disimpegnarsi”.

“Come sempre siamo gli ultimi a conoscere i contenuti dei piani industriali ma i primi a pagarne il conto – afferma Bentivogli –  L’accordo non è mai stato concordato con il sindacato”. 

A non avere fiducia in Mittal c’è anche l’indotto. La ditta d’appalto Ferplast ha ritirato i lavoratori dallo stabilimento siderurgico di Taranto. Si tratta di un’azienda con oltre 200 addetti tra contratto a termine e a tempo indeterminato, lamentando una situazione insostenibile che riguarda i pagamenti: “Hanno promesso un acconto che non è mai arrivato”.

In mattinata, un una intervista a Radio Anch’io, il ministro Patuanelli (Sviluppo economico) non aveva nascosto il suo pessimismo: “Se Mittal ha deciso di andarsene se ne andasse e la finiamo qui. Troviamo il modo per farli andar via. Ci sono delle clausole, delle penali che lo rendono possibile”. 

Pur comprendendo le difficoltà della filiera, il Governo aveva bollato i tagli come “inaccettabili”.  



Source link

REGISTRATI ORA

Submit Your Information & Learn More

%d bloggers like this: