Qual è la strategia migliore per proteggere gli investitori?

Lo short selling sembra la strategia preferita in condizioni di crescente volatilità. Eppure, secondo l’investitore miliardario Leon Cooperman reintrodurre una vecchia regola sul trading potrebbe proteggere gli investitori meglio di un taglio dei tassi di interesse.

Di che regola si parla? Semplice, della cosiddetta “uptick rule”.Ma che cos’è questa uptick rule?

La uptick rule fa riferimento ad una regolamentazione dello short selling in base alla quale la vendita allo scoperto di un titolo può essere effettuata esclusivamente ad un prezzo di un uptick superiore a quello dell’ultima transazione. Secondo l’economista americano, questa regola sarebbe in grado di ridurre la volatilità, stabilizzando il mercato. Come? Limitando gli effetti “esagerati” del trading quantitativo.

In Italia?

L’ultima volta che questa regola è stata adottata era il 2008, quando la Consob ha bannato lo short-selling nel mercato italiano. Tuttavia, gli effetti che produsse la limitazione non furono quelli sperati. Abbiamo infatti assistito ad una riduzione della liquidità per gli stock bannati; anche le variazioni in termini di volatilità e i ritorni furono poco significanti. Tutto ciò induce a pensare che tali restrizioni di fatto non riescano a conseguire gli obiettivi per i quali vengono poste in essere.

Bloccare lo short selling: serve davvero?

Molti traders ritengono dunque che regole come l’uptick rule siano arcaiche e che eliminarle è stata una mossa decisiva che ha permesso al trading elettronico di fiorire, abbassando i costi per gli investitori e garantendo liquidità anche in fase di crisi

Market in Market

Dal mio punto di vista non si possono modificare le “regole del mercato” in corso d’opera!

Bloccare le vendire allo scoperto rimanda solo di qualche tempo il problema! E’ come voler fermare un corso d’acqua con le mani…

Responsabilità: Fusion Media would like to remind you that the data contained in this website is not necessarily real-time nor accurate. All CFDs (stocks, indexes, futures) and Forex prices are not provided by exchanges but rather by market makers, and so prices may not be accurate and may differ from the actual market price, meaning prices are indicative and not appropriate for trading purposes. Therefore Fusion Media doesn`t bear any responsibility for any trading losses you might incur as a result of using this data.

Fusion Media or anyone involved with Fusion Media will not accept any liability for loss or damage as a result of reliance on the information including data, quotes, charts and buy/sell signals contained within this website. Please be fully informed regarding the risks and costs associated with trading the financial markets, it is one of the riskiest investment forms possible.





Source link

TRANSLATE PAGE »
%d bloggers like this: