fbpx


© Reuters.

Di Mauro Speranza

Investing.com – Mentre le azioni statunitensi continuano su livelli record, molti esperti e investitori equiparano l’attuale rally alla bolla delle dot-com del 2000.

L’aumento della speculazione sui titoli pre-ricavo, come le start-up EV e il notevole aumento delle SPAC nel 2020, sono solo alcuni elementi spingono al parallelismo con la bolla tecnologica di due decenni fa.

Quest’anno, il è cresciuto del 44% rispetto all’anno precedente e del 94% negli ultimi due anni. Nel 1999, il Nasdaq aveva visto una corsa pari all’86%.

“Quindi, mettete insieme il 2019-2020 e otterrete (più o meno) una configurazione in stile 2000”, spiega il co-fondatore di DataTrek, Nicholas Colas.

Secondo una nota della stessa DataTrek diffusa ieri, esiste una notevole differenza tra i due periodi storici sui mercati: i tassi di interesse.

Le scelte della Federal Reserve

La Federal Reserve ha avuto un ruolo determinante nel far scoppiare la bolla tecnologica del 2000, in quanto ha innalzato i tassi di interesse a nuovi altissimi livelli nello stesso periodo in cui le azioni hanno raggiunto il picco massimo.

“Il settore tecnologico dot-com aveva iniziato a muoversi non appena è diventato chiaro che la Fed era intenzionata a modificare al rialzo i tassi di interesse a breve termine col fine di raffreddare l’economia statunitense in piena espansione”, ha spiegato Colas.

Nel 2000, il tasso dei Fed Funds era vicino al 5,85%, il che significa che gli investitori avevano un’alternativa al boom dei titoli tecnologici ottenendo un ritorno decente dalle obbligazioni. Oggi, con il tasso dei Fed Funds vicino allo 0%, non esiste un’alternativa simile per gli investitori come nel 2000.

Inoltre, la Fed non prevede di alzare i tassi d’interesse almeno fino al 2023, poiché si concentra sulla rivitalizzazione dell’economia dalla pandemia COVID-19, anche se un secondo turno di verifica degli stimoli è destinata a colpire milioni di conti bancari americani.

“Questo non garantisce che il settore Tech continuerà a crescere, soprattutto nelle aree più speculative di quel mercato, ma dice che dobbiamo cercare un catalizzatore diverso da quello che ha fatto crollare il gruppo nel 2000”, ha aggiunto Colas.

Responsabilità: Fusion Media would like to remind you that the data contained in this website is not necessarily real-time nor accurate. All CFDs (stocks, indexes, futures) and Forex prices are not provided by exchanges but rather by market makers, and so prices may not be accurate and may differ from the actual market price, meaning prices are indicative and not appropriate for trading purposes. Therefore Fusion Media doesn`t bear any responsibility for any trading losses you might incur as a result of using this data.

Fusion Media or anyone involved with Fusion Media will not accept any liability for loss or damage as a result of reliance on the information including data, quotes, charts and buy/sell signals contained within this website. Please be fully informed regarding the risks and costs associated with trading the financial markets, it is one of the riskiest investment forms possible.





Source link

REGISTRATI ORA