fbpx


In Bulgaria, si scia: le regole anti-Covid sulla neve di Bansko

Nonostante la Bulgaria abbia il terzo tasso di mortalità più alto d’Europa, le stazioni sciistiche sono aperte.

La più gettonata è Bansko, una delle più famose destinazioni turistiche montane del paese.

Aperti, con regoleQui si applicano le regole imposte dalla pandemia: distanziamento sociale e mascherine obbligatorie negli spazi chiusi.I ristoranti possono servire solo cibo da asporto e devono chiudere alle 22.00.Le funivie vengono disinfettate tre volte al giorno, anche se non c’è un limite al numero di sciatori a bordo.I passeggeri sono, inoltre, incoraggiati ad aprire i finestrini per una migliore circolazione dell’aria.

Le regole imposta anche nella località sciistica di Bansko.
Euronews

L’inviato di Euronews, Damian Vodenitcharov, spiega:”Anche Il resort di Bansko è stato effettivamente messo in isolamento durante la prima ondata del Coronavirus in primavera. I professionisti del settore turismo hanno criticato la chiusura, giudicandola eccessiva: pur aperto, ora le nuove regole sono, comunqu,e abbastanza severe”.

Damian Vodenitcharov, giornalista di Euronews inviato a Bansko.
Euronews

“Chiusure premature”Un caso che ha fatto scalpore è stato quello della località austriaca di Ischgl, un paradiso degli sciatori, che a marzo si è rivelato, invece, un incubatore del virus.

Ma in Bulgaria è andata diversamente.

“Bansko è stata chiusa un po’ prematuramente”, spiega il direttore degli impianti sciistici.”Non c’erano molti casi di Covid. Le autorità hanno reagito in risposta alle altre località turistiche dell’Europa occidentale. E il virus si diffonde nei bar, non sulle piste da sci! Per questo motivo il governo bulgaro ha, giustamente, deciso di aprire le stazioni sciistiche”.

“Il virus si prende al bar, non sulle pista di sci”.
Euronews

“Una perdita finanziaria senza precedenti” Nella capitale Sofia, il governo di Boyko Borissov spera ancora di poter salvare la stagione turistica.

Spiega la ministra del Turismo, Mariana Nikolova:”Quest’anno abbiamo registrato un calo del 70% delle prenotazioni. E i guadagni del settore erano in pieno boom prima della pandemia. Nel 2019, gli introiti del turismo hanno superato il miliardo di lev. Quindi, potete capire voi stessi l’entità della perdita finanziaria. Per questo motivo contiamo sui nostri connazionali, ma anche sui turisti dei paesi vicini che possono venire in Bulgaria con la loro auto”.

Mariana Nikolova, 45 anni, ministra del Turismo bulgaro.
Euronews

Il governo bulgaro aiuta il settore del turismoUn altro tema molto dibattuto in Bulgaria è quello degli aiuti finanziari al turismo.Gli imprenditori del settore si sono fatti sentire fin dall’inizio della pandemia, minacciando di organizzare proteste se le loro richieste non fossero state soddisfatte. Bаr, ristoranti e alberghi bulgari hanno beneficiato, da parte del governo, di notevoli tagli dell’IVA in estate, mentre sono attualmente in corso programmi di ristoro per aziende e privati.

In Bulgaria si scia!
Euronews

Responsabilità: Fusion Media would like to remind you that the data contained in this website is not necessarily real-time nor accurate. All CFDs (stocks, indexes, futures) and Forex prices are not provided by exchanges but rather by market makers, and so prices may not be accurate and may differ from the actual market price, meaning prices are indicative and not appropriate for trading purposes. Therefore Fusion Media doesn`t bear any responsibility for any trading losses you might incur as a result of using this data.

Fusion Media or anyone involved with Fusion Media will not accept any liability for loss or damage as a result of reliance on the information including data, quotes, charts and buy/sell signals contained within this website. Please be fully informed regarding the risks and costs associated with trading the financial markets, it is one of the riskiest investment forms possible.





Source link

REGISTRATI ORA