fbpx


default onloading pic
(suriyapong – stock.adobe.com)

Il cambio è ai massimi da due anni e mezzo, ben oltre quota 1,20. Ma l’Eurotower preferisce restare in attesa. Ecco perché.

2′ di lettura

Non sembra ancora arrivata sulle prime pagine dei giornali, ma la notizia dell’avanzata dell’euro – ormai ai massimi dal maggio 2018 e ben oltre la soglia «psicologica» di 1,20 nei confronti del dollaro – fotografa un fenomeno destinato a essere tutt’altro che secondario per le capacità dell’economia europea di riprendersi dalla fossa scavata da Covid e anche per la stessa politica monetaria della Bce.

Occhio a inflazione e svalutazione del dollaro

Sulla carta il cambio, che nelle ultime sedute si è spinto fino a quota 1,2160 (segui…



Source link

REGISTRATI ORA
%d bloggers like this: