fbpx


No, questi due prodotti non servono a chi vuole dei capelli fluo. Anzi, sono un alleato prezioso di tutte le castane e le bionde. Come mai? Scopriamolo.

Lo shampoo viola e lo shampoo blu sono la soluzione a questi problemi

Il più conosciuto tra i due è sicuramente lo shampoo viola. Ormai chi è un po’ pratico di colorazioni fai da te lo sa. Lo shampoo e il balsamo con il pigmento viola servono a contrastare il giallo.

Si usano come tonalizzanti per chi ha i capelli decolorati. E per evitare che da biondi luminosi i capelli si trasformino in giallo paglierino. Anche per evitare che i capelli grigi inizino a diventare giallastri.

Ma non tutti sanno dell’esistenza dello shampoo blu. Per il biondo esiste il pigmento viola che contrasta il giallo. Per i capelli castani esiste il pigmento viola che contrasta il rosso.

Esatto, le castane sanno bene di cosa si parla. I capelli castani tendono a buttare fuori riflessi rosso/ramati. E non sempre si desiderano questi riflessi. Soprattutto se si sceglie di fare un colore castano freddo.

Ormai si trovano in commercio entrambi i tipi. Ma per avere un effetto più efficace meglio affidarsi a prodotti professionali. O chiedere direttamente al parrucchiere di fiducia.

Quindi sia lo shampoo viola che quello blu sono dei grandi alleati. È vero che un po’ colorano perché hanno del pigmento all’interno. Ma per poterne vedere gli effetti bisognerebbe prima di tutto usare un balsamo o una maschera. Avere dei capelli decolorati, quasi platino. E lasciare il tutto in posa per diverse ore.

Ed ecco perché lo shampoo viola e lo shampoo blu sono la soluzione a questi problemi. Se si è abituati a fare la tinta in casa è bene conoscere questi prodotti. Così da avere un risultato sempre perfetto.

Approfondimento

Svelato il segreto per evitare le macchie di tinta per capelli sulla pelle



Source link

REGISTRATI ORA
%d bloggers like this: