fbpx


I mercati tentano di riequilibrare le paure degli ultimi giorni. Qualche minuto dopo le 15, Piazza Affari guadagna addirittura lo 0,5%. Intanto lo spread, cioè il differenziale di rendimento tra Bund tedeschi e Btp italiani, segnava 165,8 punti. Per quanto riguarda il rendimento del titolo di stato a 10 anni, si vede un saldo a 1,367%.

Il resto del Vecchio Continente

Vanno bene le cose anche nel resto d’Europa. Infatti nello stesso momento il Dax di Francoforte era a +0,73%, il Ftse 100 ondeggiava sulla parità a 0,03% e il Cac 40 di Parigi arrivava  a +0,23%.

I mercati di Wall Street

Ondivaga invece la storia su Wall Street. Sempre poco dopo le 15 (ora italiana ) l’S&P 500 perdeva lo 0,12% come anche il Dow mentre il Nasdaq si trovava in una situazione specularmente opposta a +0,12%.

Le ultime raccomandazioni a Piazza Affari

Tra le ultime raccomandazioni a Piazza Affari è da segnalare il buy di Banca Akros su Fca con fair value di 17,50 euro. Giudizio di acquisto anche su Saipem con target di 6,40 euro mentre per Tenaris (MIL:TEN) si arriva addirittura ad un rating accumulate (t.p 13 euro). Ma Fca conquista il buy anche di Banca Imi (t.p 16 euro) ed Euquita Sim con target a 17,10 euro.

Le ultime raccomandazioni a Wall Street

Tra le ultime raccomandazioni a Wall Street è da segnalare quella su Best Buy Co. Inc. confermato per l’acquisto da Jefferies con target aumentato a $ 101 da $ 90. Underperform, invece, per Boeing Co. da Longbow con un target di prezzo di $ 300. Anche Chevron Corp. è stata declassata; Merrill Lynch la porta ad Underperform invece di Neutral.

Gli eventi più importanti attesi nel calendario economico di domani

Per quanto riguarda i dati che verranno resi noti domani, l’attenzione è tutta per gli ordini all’industria di novembre della Germania. Per l’Europa, invece, i dati sulla fiducia di imprese e su quella dei consumatori a novembre. Dagli Usa le richieste settimanali di mutui delle scorte di petrolio oltre alla stima ADP di dicembre. Tra i dati pubblicati oggi, lo 0,5% dei prezzi al consumo italiani e 1,3% per quelli europei di dicembre. Entrambi i dati sono in miglioramento rispetto alle precedenti rilevazioni ferme rispettivamente allo 0,2% per il dato italiano e all’1% in Europa. Migliorano anche le vendite al dettaglio nel Vecchio COntinente con un 2,2% su novembre in rialzo rispetto all’1,7% della precedente rilevazione.

Agli orari prefissati si può consultare il calendario economico per leggere l’esito dei dati macroeconomici pubblicati.

Il ribasso dei mercati è finito? Domani la risposta

Nella prima scadenza di setup i mercati rimbalzano ma per dire che siamo in presenza di un’inversione è ancora prematuro. Il segnale di oggi deve essere confermato domani.

I setup di gennaio scadranno il 7,9,13, 22 e 30.

La tendenza di breve termine  è ribassista e rimarrà tale  se le chiusure di contrattazione del 8 gennaio saranno inferiori a:

S&P 500

3.246

Dax Future

13.122

Eurostoxx Future

3.738

Ftse Mib Future

23.505

Attendiamo con calma sviluppi. Fino a quando non si verificherà inversione rialzista l’obiettivo saranno i punti di ingresso al rialzo annuale.

Approfondimento

Guerra ed effetti sui mercati



Source link

REGISTRATI ORA

Submit Your Information & Learn More

%d bloggers like this: