fbpx


A causa delle feste, i volumi di scambio sulle piazze europee restano sottili. Alle 14.10 il Ftse Mib gira in negativo dello 0,5%. Nello stesso momento lo spread, cioè il differenziale di rendimento tra Bund tedeschi e Btp italiani, scendeva a 16 6 invece dei 168,5 punti dell’ultima seduta. Per quanto riguarda il rendimento del titolo di stato a 10 anni, restava quasi stabile, a quota 1,413%.

Il resto del Vecchio Continente

Come detto Piazza Affari è l’eccezione di un’Europa che, nello stesso momento, era tutta contraddistinta dal segno più. Infatti alle 14.10 il Dax regnava su tutti con un +0,53%, seguito a ruota dal Cac 40 di Parigi con un +0,4% e dal Ftse 100 di Londra a +0,32%.

Wall Street

Bene anche Wall Street con i suoi futures che alle 14.10 (ora italiana) vedevano un vantaggio dell’S&P 500 dello 0,23% mentre il Dow arrivava a 0,31% e il Nasdaq saliva dello 0,35%.

Le ultime raccomandazioni a Piazza Affari

Tra gli aggiornamenti sui rating di oggi a Piazza Affari sono da segnalare quelli di Bernstein su Enel con il suo rating outperform e il prezzo obiettivo di 7,80 euro. Stesso giudizio anche per Terna con fair value di 6,30 euro.

Gli eventi più importanti attesi nel calendario economico di lunedì

Come quella che si è chiusa, anche la prossima sarà una settimana corta a causa della festività del Capodanno. Ad ogni modo susciteranno interesse i dati sulle vendite al dettaglio e prezzi import tedeschi (entrambi su novembre). Sempre per l’Europa il PIL e i prezzi al consumo spagnoli (rispettivamente del terzo trimestre e di dicembre) chiuderanno il quadro per il Vecchio Continente. Dagli Usa, invece, si attenderanno i PMI Chicago di dicembre. I dati di oggi, vedono in scena il Giappone con i numeri sulla disoccupazione di novembre, al 2,2%. In miglioramento, sempre a Tokyo, la produzione industriale (-0,9% invece del temuto -1,4%).

Agli orari prefissati si può consultare il calendario economico per leggere l’esito dei dati macroeconomici pubblicati.

La tendenza dei mercati è rialzista

Non vediamo particolari preoccupazioni e continuiamo a pensare a rialzi fino all’ultimo giorno di contrattazione dell’anno. Un paio di gironi di ritracciamento prima di nuovi rialzi potrebbero avvicendarsi prima dell’epifania.

Cosa invece farà cambiare questa  tendenza di breve termine  in corso?

Chiusure della giornata di contrattazione dei mercati del  30  dicembre inferiori a:

S&P 500

3.190

Dax Future

13.149

Eurostoxx Future

3.710

Ftse Mib Future

23.410



Source link

REGISTRATI ORA

Submit Your Information & Learn More

%d bloggers like this: