fbpx



Giunge proprio dagli studenti delle scuole superiori di Galatina (Le) e in particolare dagli studenti del Liceo Classico “P. Colonna”, la bella lezione di dignità e civiltà: “Borse di studio Colacem? Non vogliamo soldi da chi inquina e deturpa il nostro territorio, la nostra Salute e il nostro Paesaggio!”.
Allo slogan “Soldi da chi inquina? No, grazie!” è svolto domenica 04 maggio 2014 nei pressi del Liceo Classico “P. Colonna” una manifestazione sit-in promosso dagli studenti delle scuole superiori e tantissimi sono stati i cittadini che si sono uniti al coro di “La Salute non è in vendita”.
L’indignazione di studenti e cittadini si è esplosa all’ennesima occasione d’imbonimento che il mega devastante e inquinantissimo cementificio di Galatina da anni cerca di operare per ingraziarsi le comunità, elargizioni sempre disponibili per eventi pubblici, regalie per progetti di restuaro, fin a sostenere un bando-borsa di studio indirizzato agli studenti di Galatina. Azioni di imbonimento, di coloniale memoria, fino a pochi anni fa operate nel più totale silenzio e indifferenza generale, ma, oggi, un evento a dir poco EPOCALE ha messo in crisi l’incessante e martellante opera di marketing di facciata: non più solo cittadini indignati riuniti in comitati e associazioni, ma gli studenti, ovvero la speranza e il futuro di questa terra del Salento tanto ricca e meravigliosa quanto ancora così violata!
Proprio questa azione di civica sensibilità e civico pacifismo gandhiano è il segnale che il Salento non pone più la sua salvezza nella sola importantissima “speranza”, ma proprio grazie ai ragazzi e ragazze delle scuole superiori di Galatina il Salento e tutti i cittadini hanno oramai la CERTEZZA che la devastazione e l’oltraggio alle meraviglie di questa terra stanno scricchiolando sempre di più e il futuro sarà della bellezza e della salute in nome della difesa di tutti i Beni Comuni patrimonio di tutti i cittadini e delle future generazioni !!!

I SALENTINI SONO CITTADINI, GIAMMAI SUDDITI !!!

Trnews 04/05/2014

source

TRANSLATE PAGE »
%d bloggers like this: