fbpx


Una delle tematiche di maggior interesse, riguarda le misure che sono state adottate per le imprese, duramente messe in crisi a causa della pandemia. Senonché, una delle domande che ci dovremmo porre è: “quali aiuti sono stati previsti per le imprese nella Legge di Bilancio 2021?”. Ebbene, i maggiori interventi hanno riguardato: il taglio dei contributi, le misure per le imprese agricole e il turismo e la garanzia Sace. Ma, vediamo con ordine, in cosa consistono queste novità. Anzitutto, per quanto riguarda il taglio dei contributi al Sud, è interessante sapere che i datori di lavoro privati che assumono lavoratori possono godere di un taglio del 30% dei contributi previdenziali e assistenziali. Questa misura opererà per i datori che si trovano nel meridione e opererà fino al 30 giugno 2021, con proroga fino al 2029, previo parere favorevole da parte dell’UE. La seconda misura riguarda le imprese agricole.

Interventi per le imprese agricole, del turismo e aeree

Per quanto riguarda le imprese agricole, la Legge di Bilancio ha previsto un esonero contributivo, per due anni, per coloro che assumono giovani di età inferiore a 40 anni. Inoltre, le reti di imprese agricole e agroalimentari possono accedere del bonus del 40% per il sostegno del made in Italy. Detto vantaggio, spetta anche a quelle che sono costituite in forma cooperativa o in consorzi, per i periodi di imposta dal 2021 al 2023.

Per quanto riguarda, invece, le imprese turistiche, esse sono esonerate dalla prima rata IMU per il 2021. In questa categorie rientrano: alberghi, agriturismi, stabilimenti balneari e termali, villaggi turistici, ostelli della gioventù, rifugi di montagna, colonie marine e montane. Inoltre, abbiamo: affittacamere, case e appartamenti per vacanze, bed & breakfast, residence, campeggi. Inoltre, per le imprese turistico-ricettive, è prorogato il beneficio del credito d’imposta al 60% del canone di locazione. Detto vantaggio durerà fino al 30 aprile 2021. Inoltre, a partire dal 2021, vi accederanno anche agenzie di viaggio e tour operator.

Tutte queste iniziative saranno finanziate con 100 milioni di euro, stanziati per il settore turistico. A questi si aggiungono i 20 milioni di euro per l’accesso alle agevolazioni fiscali che potranno essere conseguite per la riqualificazione e il miglioramento delle strutture ricettive turistico-alberghiere. Per il settore aereo, infine, fortemente colpito dalla crisi pandemica, previsto un fondo da 500 milioni di euro.

La garanzia Sace

Inoltre, come in precedenza illustrato, prevista la garanzia Sace, destinata alle imprese, che hanno tra 250 e 499 dipendenti. Esse, potranno accedere, a partire dal 1° marzo 2021, alla garanzia indicata, alle stesse condizioni agevolate che sono previste dal fondo centrale di garanzia per le piccole e medie imprese. Con le indicate misure, quindi, si è risposto, brevemente alla domanda su “quali aiuti sono stati previsti per le imprese nella Legge di Bilancio 2021”.



Source link

REGISTRATI ORA
%d bloggers like this: