fbpx


Che si tratti di smascherare il coniuge fedifrago o di controllare alcuni sospetti traffici aziendali, l’investigatore privato è la soluzione ai dubbi attanaglianti. Quanto costa assumerlo? Quale aiuto potrebbe offrire? Da sempre presente nei film come una figura misteriosa e intrigante, l’investigatore privato è un professionista dell’indagine. Non si muove solo di notte, vestito di abiti neri ed occhiali da sole scuri. Il lavoro dell’investigatore privato è assai complesso ed articolato. Sembrerebbe una professione quasi desueta data l’iperconnettività che vantiamo al giorno d’oggi, eppure non è così. In tanti si rivolgono agli investigatori per le più differenti ragioni e con le più bizzarre intenzioni. Molti si domandano quanto costa assumere un investigatore privato e in quali casi sia necessario rivolgersi a questo professionista.

Di quali strumenti si avvale un investigatore

Le moderne tecnologie hanno modificato notevolmente la professione nel corso del tempo. Uno degli strumenti che ha di sicuro rappresentato una grande evoluzione nel campo dell’investigazione è il rilevatore GPS. Grazie a questa attrezzatura gli investigatori riescono a mantenere traccia degli spostamenti del pedinato senza dovergli correre dietro come in un tempo.

Le statistiche confermano che sono più gli uomini ad assumere un professionista dell’investigazione e le ragioni riguardano principalmente infedeltà coniugale ed aziendale. In quest’ultimo ambito, ad esempio, le ragioni per cui più spesso si richiede l’intervento di un investigatore riguardano gli abusi sui permessi della legge 104. Ma quanto costa assumere un investigatore privato? È la domanda che si pongono molti di coloro che desiderano avviare delle indagini approfondite su particolari situazioni.

Quanto costa assumere un investigatore privato?

I costi variano in base a diversi fattori. L’onorario varia in base all’esperienza, all’affidabilità e alla complessità degli strumenti di indagine utilizzati. Anche la tipologia di indagine concorre alla variazione del costo. Infatti, svelare un tradimento potrebbe essere meno costoso di un’indagine aziendale. La durata dell’indagine contribuisce ulteriormente a far lievitare il prezzo della prestazione. Solitamente il tariffario di ciascun professionista viene indicato su base oraria e varia tra le 30 e 90 euro all’ora.

Da questi costi si escludono Iva e spese aggiuntive. Se all’indagine si aggiungono delle trasferte o degli spostamenti si prevedono dei costi aggiuntivi su spese di trasporto. Se il committente richiede una fascicolatura del rapporto informativo, si deve aggiungere un costo di 45 euro circa. Quando invece si richiede di entrare in possesso di informazioni di tipo commerciale sull’attività dell’investigato, l’esborso sarà di circa 40 euro. Un’altra importante spesa da considerare è il “diritto di chiamata per urgenza”. Si tratta della possibilità di chiamare l’investigatore ad intervenire in ogni momento ritenuto necessario. Questa immediatezza ha ovviamente un costo che si aggira intorno ai 100 euro a chiamata. In buona sostanza, non tutti possono permettersi di assoldare un investigatore. I più vendicativi hanno però trovato la soluzione: recapitano la parcella all’indirizzo del coniuge infedele che in questo modo la paga davvero cara!



Source link

REGISTRATI ORA
%d bloggers like this: