fbpx


La riforma fiscale 2020 ha in cantiere la riduzione delle tasse per i cittadini delle classi medie. La Riforma Irpef dell’allora premier Renzi in programma diversi anni fa è stata oggetto di continue proroghe fino al 2019.Si profila ora l’intenzione di rendere meno gravosi gli oneri fiscali per le famiglie e le aziende italiane. Il Ministro dell’Economia e delle Finanze Roberto Gualtieri ha riportato sul tavolo delle trattative del Mef un obiettivo ambizioso: la riduzione delle tasse.

La riforma fiscale di Gualtieri

Il Ministro Gualtieri ha annunciato la riforma Irpef 2020 nel corso del suo intervento all’ultima edizione del Telefisco, l’annuale conferenza organizzata dal Sole24Ore (MIL:S24). Al direttore del quotidiano finanziario Tamburini che lo ha intervistato, Gualtieri ha reso noti gli obiettivi e le novità su cui il governo sta lavorando. In primis l’adozione di strumenti operativi finalizzati alla semplificazione e alla razionalizzazione delle norme che regolamentano l’Irpef e l’Iva. Ha dichiarato la volontà di ultimare la riforma entro la fine del 2020, pur consapevole di quanto ambizioso sia l’obiettivo. Nelle intenzioni di Gualtieri, il disegno di legge verrà presentato ad aprile e prevederà una riduzione delle aliquote Irpef e uno sgravio delle detrazioni.

Semplificazione del sistema fiscale

Il Ministro ha reso nota la volontà di aprirsi al dialogo con le altre voci politiche e con esperti di scienze economiche e produttive. Si è inoltre dichiarato contrario a rimodulare le aliquote durante le trattative per la legge di bilancio. A suo giudizio, l’operazione richiederebbe il dispiegamento di notevoli energie e un’abitudine al confronto dialettico che non ha precedenti a supporto. Quel che invece intende realizzare in tempi brevi sarà lo snellimento del sistema fiscale. Gualtieri afferma di essersi imbattuto in una selva oscura di tax expenditure, bonus, detrazioni e intende aprire sentieri più facilmente praticabili.

La riduzione delle tasse a tutti i lavoratori

Il traguardo cui mira Gualtieri resta fermo: la riduzione delle tasse a tutti i lavoratori. Lo sgravio fiscale interesserà pertanto non solo i lavoratori dipendenti ma anche i possessori di partita Iva. Dopo il taglio al cuneo fiscale previsto a luglio 2020, sono in programma manovre fiscali tese a ridurre l’onere fiscale e il debito pubblico. Il ministro, a conclusione del suo intervento, si è inoltre espresso a favore di “una riduzione delle aliquote o una limitazione delle detrazioni”. Ciò, ha garantito, nell’assoluto ossequio al dettato costituzionale della progressività delle tasse.

Approfondimento

Sgravi contributivi



Source link

REGISTRATI ORA
%d bloggers like this: