fbpx


(Teleborsa) – I giorni di zona rossa fino al 6 gennaio potrebbero far slittare l’inizio dei saldi invernali, almeno in quelle regioni che li avevano previsti già dalle prime giornate dell’anno. Per ora, secondo il calendario provvisorio diffuso da Confcommercio, la partenza delle vendite promozionali è prevista per il 2 gennaio in Valle d’Aosta, Molise e Basilicata, il 4 in Abruzzo e Calabria, il 5 in Sardegna e Campania.

Fuori dal periodo dei divieti per le feste invece le partenze del 7 gennaio previste per Puglia, Sicilia, Piemonte, Friuli Venezia Giulia e Lombardia. L’Umbria dovrebbe cominciare il 9, il Lazio il 12.

Nella seconda metà del mese partenza prevista il 16 per le Marche e la Provincia Autonoma di Bolzano (comuni non turistici). I saldi arriveranno solo a fine mese, in Liguria, il 29, e il 30 in Emilia Romagna, Toscana, e Veneto. In queste ultime regioni però come in altre, era stato possibile effettuare vendite promozionali già nei 30 giorni precedenti. Infine, per comprare in saldo nei comuni turistici della Provincia Autonoma di Bolzano, bisognerà attendere il 13 febbraio.

“Per avere indicazioni certe comunque bisognerà attendere la decisione delle Regioni per le quali visto il decreto natale arrivato last minute bisognerà attendere le prossime ore – ha commentato oggi Massimo Torti, segretario generale di Federmoda – Certo questa confusione non fa bene ed è un ulteriore danno al commercio, nonostante tutti gli sforzi che abbiamo fatto per rispettare le regole”.





Source link

REGISTRATI ORA
%d bloggers like this: