fbpx


La reazione dei mercati alla firma della “fase uno” dell’accordo commerciale tra Stati Uniti e Cina è stata tutto sommato timida, almeno inizialmente Dobbiamo ricordare che l’accordo, così come strutturato, al momento mantiene in vigore la maggior parte delle tariffe emesse e contiene alcuni impegni che potremmo definire stravaganti come ad esempio espandere le importazioni cinesi dagli Stati Uniti per un totale di $ 200 miliardi (un aumento di oltre il 20%).

La “seconda fase” non dovrebbe arrivare prima delle elezioni presidenziali degli Stati Uniti (a novembre), quindi gli operatori molto probabilmente potranno tirare un sospiro di sollievo e sperare che la guerra commerciale possa rappresentare il passato (anche se l’accordo forse non è stato all’altezza delle aspettative).

La considerazione che gli operatori dovranno fare in futuro è se tutto ciò favorirà un ambiente migliore per la propensione al rischio. Teoricamente la paura dovrebbe essere passata, ma si avrà pur sempre a che fare con la tariffe vigenti e si dovrà capire se effettivamente la Cina sarà in grado di ottemperare agli impegni presi. Nel frattempo proprio nell’ultima ora abbiamo assistito a una repentina fiammata della propensione al rischio, con vendite di asset rifugio e salita dell’azionario.

Wall Street ha chiuso la sessione di metà settimana leggermente in rialzo a + 0,2% sull’ a 3289 punti. I futures hanno poi guadagnato un altro + 0,2%, ciononostante gli effetti sull’azionario asiatico sono stati limitati: + 0,1% e -0,5%. Nelle materie prime l’ è leggermente più debole mentre il petrolio è rimbalzato del +0,5%.

Sul fronte macroeconomico l’attenzione sarà tutta rivolta verso gli Stati Uniti, anche se alle 13:30 verranno rilasciati I verbali relativi all’ultima riunione di politica monetaria della BCE. Lato USA attenzione alle vendite al dettaglio delle 14:30 che dovrebbero darci vendite mensili core (ex-auto) in aumento di + 0,5% (dopo una crescita di + 0,1% a novembre). L’ indice aziendale Philly Fed dovrebbe migliorare a +3,8 nel mese di gennaio (da +2,4 a dicembre) e si prevede che le richieste di sussidi di disoccupazione settimanali rimarranno attorno a 216.000 (214.000 la scorsa settimana).

Altro appuntamento importante è sicuramente quello delle ore 19, quando .

Responsabilità: Fusion Media would like to remind you that the data contained in this website is not necessarily real-time nor accurate. All CFDs (stocks, indexes, futures) and Forex prices are not provided by exchanges but rather by market makers, and so prices may not be accurate and may differ from the actual market price, meaning prices are indicative and not appropriate for trading purposes. Therefore Fusion Media doesn`t bear any responsibility for any trading losses you might incur as a result of using this data.

Fusion Media or anyone involved with Fusion Media will not accept any liability for loss or damage as a result of reliance on the information including data, quotes, charts and buy/sell signals contained within this website. Please be fully informed regarding the risks and costs associated with trading the financial markets, it is one of the riskiest investment forms possible.





Source link

REGISTRATI ORA
TRANSLATE

Submit Your Information & Learn More

%d bloggers like this: