fbpx


Nell’era dell’evoluzione tecnologica e dei pagamenti virtuali, anche il caro e vecchio scontrino doveva adattarsi ai tempi e rinnovare la sua veste. Arriva lo scontrino elettronico. Dite addio alla carta termica, da oggi lo scontrino diventa elettronico e il vecchio registratore di cassa sarà sostituito da App e nuovi strumenti di trasmissione. La decisione viene comunicata dall’Agenzia delle Entrate come misura d’avanguardia per monitorare tutte le transazioni commerciali.

Cosa cambia per i consumatori

Per avere la misura di quanto incassa ogni singola attività commerciale ed evitare l’evasione fiscale, lo scontrino elettronico è obbligatorio a partire già dallo scorso luglio. Probabilmente, chi farà acquisti nei negozi o nei supermercati non si renderà conto del cambiamento perché verrà ancora emessa una ricevuta. Questa ricevuta però, non avrà un valore fiscale ma servirà semplicemente come documento di garanzia o per un eventuale cambio.

Continua la rivoluzione digitale

Dopo la fattura elettronica, le misure di tracciabilità dei traffici di denaro diventano sempre più misurate. La memorizzazione e la trasmissione telematica dei corrispettivirappresentano l’ulteriore passo per l’eliminazione della carta. Oltre a ciò, un aspetto di importante rilievo riguarda l’immediatezza della trasmissione. Infatti, una volta emesso, lo scontrino elettronico è  trasmesso direttamente all’Agenzia delle Entrate che riesce a monitorare i pagamenti in tempo reale.

Come adeguarsi alla norma

Se per i consumatori il cambiamento sarà poco rilevante, per i commercianti inizia una vera e propria rivoluzione che li vedrà impegnati nell’adeguamento alla norma. Questi ultimi dovranno munirsi di un registratore di cassa speciale oppure utilizzare App pensate a posta da utilizzare con smartphone o Tablet. A partire dal primo gennaio 2020, tutti i commercianti titolari di P. Iva hanno l’obbligo di adeguarsi alla norma e munirsi dell’attrezzatura elettronica necessaria per emettere scontrino elettronico.

Quali soggetti dovranno subito adeguarsi

I soggetti che dovranno obbligatoriamente adeguarsi alla nuova modalità di certificazione delle vendite cono quelli che esercitano attività per le quali non è obbligatoria l’emissione di fattura. Ad esempio, negozi, alberghi, ristoranti saranno le attività che per prime dovranno ricorrere all’adeguamento.

Approfondimento

Bonus Renzi



Source link

REGISTRATI ORA
TRANSLATE

Submit Your Information & Learn More

%d bloggers like this: