fbpx



Versione originale di Laura Sánchez – traduzione a cura di Investing.com

Investing.com – Mercati azionari europei in territorio positivo in questa mattina, dopo alcune buone notizie sui vaccini.

AstraZeneca (LON:) spedirà 9 milioni di vaccini in più all’Unione europea, fino a 40 milioni nel primo trimestre del 2021, ma si tratta ancora della sola metà dell’impegno iniziale. “Dovremo tenere d’occhio il problema delle carenze di approvvigionamento di vaccini nel breve termine, e in questo senso, l’approvazione di nuovi vaccini – Johnson & Johnson (NYSE:), Novavax Inc (NASDAQ:) – potrebbe aiutare a compensare questi colli di bottiglia”, ha commentato Renta 4.

Questi esperti sottolineano che Novavax ha presentato risultati di alta efficacia la scorsa settimana (89% nella sua prova nel Regno Unito, 95% contro il ceppo originale e 85% contro la variante britannica), anche se ci sono preoccupazioni per la sua minore protezione contro i nuovi ceppi (49% nella sua prova per quanto riguarda la variante Sud Africa).

Relativamente al vaccino di Johnson & Johnson, abbiamo appreso prima del previsto i risultati della sperimentazione di fase III, che hanno soddisfatto entrambi gli endpoint primari e secondari. “L’efficacia del suo candidato è 66% nella prevenzione dei casi moderati e gravi di Covid-19 28 giorni dopo aver ricevuto il vaccino, salendo all’85% nella prevenzione dei casi gravi e 100% in ospedalizzazioni e morti”, ha spiegato Renta 4.

“Ci aspettiamo che le notizie positive sui vaccini Covid-19 che abbiamo menzionato in precedenza permettano ai mercati azionari europei di muoversi più in alto, con gli indici che cercano di recuperare parte di ciò che hanno perso la scorsa settimana”, spiegano da Link Securities.

Inoltre, questi analisti commentano che “dovremo essere molto attenti al Congresso degli Stati Uniti, dove continueranno i negoziati per l’approvazione di un nuovo piano di stimolo fiscale. Vale la pena notare che un gruppo di senatori repubblicani sta per presentare al presidente Biden un piano da 600 miliardi di dollari, incentrato sull’aiuto per superare l’impatto della pandemia su individui e imprese”.

“Tuttavia, sembra sempre più probabile che i democratici approveranno unilateralmente il programma fiscale da 1,9 trilioni di dollari proposto da Biden dopo la sua conferma come nuovo presidente degli Stati Uniti, cosa che sarebbe accolta con favore dai mercati azionari, ma che potrebbe pregiudicare l’intenzione dichiarata del nuovo presidente di avere il sostegno dell’opposizione nelle principali decisioni statali”, aggiungono.

“Gli investitori rimangono speranzosi che l’abbondante liquidità fornita dalle banche centrali, insieme ai piani di stimolo fiscale, permetterà un ritorno alla crescita nel medio termine. Anche se non escludiamo che lo stimolo fiscale di Biden possa richiedere più tempo del previsto per andare avanti (metà marzo è stata fissata come data per la sua approvazione) o addirittura non essere approvato nella sua interezza, crediamo che il sostegno incondizionato delle banche centrali continua a sostenere il nostro argomento per comprare azioni in un mercato dove l’alta liquidità è la chiara protagonista e non ci sono grandi alternative di investimento”, concordano Renta 4.

Tuttavia, questi analisti sottolineano che “sembra che gli investitori stanno cominciando a pesare i rischi ancora presenti nel breve termine, con il probabile deterioramento dei dati macro alla luce della tendenza dei principali paesi ad approvare misure più restrittive per l’attività economica al fine di contenere la pandemia”.

“Allo stesso modo, il ritmo più lento del previsto delle vaccinazioni Covid-19 in quasi tutti i paesi comincia a destare preoccupazione, con l’incertezza sui colli di bottiglia nella fornitura e nell’efficacia dei vaccini nei nuovi ceppi, e con il rischio di non rispettare le scadenze di immunizzazione previste nei prossimi mesi con il conseguente ritardo nella ripresa economica”, concludono questi esperti.





Source link

REGISTRATI ORA