fbpx


Nel mese di gennaio 2021 su Spectrum Markets, la borsa pan-europea per strumenti certificati, sono stati scambiati 70 milioni di certificati. Questo rappresenta un aumento del 46% rispetto al mese precedente. Dal lancio (ottobre 2019), sono stati scambiati 500 milioni di certificati. Il 27 gennaio, inoltre, è stato fissato un nuovo massimo con 16.018 ordini piazzati in una singola giornata di contrattazioni. La percentuale di scambi avvenuta fuori degli orari tradizionali di negoziazione (ovvero dalle 17:30 alle 09:00) è stata del 35,8%.
Nel dettaglio, i volumi di scambio in gennaio si sono così suddivisi: l’82,3% del totale è attribuibile ai certificati sugli indici (79,7% a dicembre), il 13,4% a quelli sulle valute (13,3% a dicembre) e il 4,3% agli strumenti sulle materie prime (7% a dicembre). I sottostanti maggiormente scambiati sono stati l’OMX di Stoccolma (31,6%), l’S&P (17,8%) e il DAX (16,8%). Tutti i 21 sottostanti sono stati scambiati.

Spectrum Markets è il mercato pan-europeo dove gli investitori al dettaglio possono scambiare certificates attraverso i loro broker. Dal suo lancio, i prodotti sono disponibili nei seguenti paesi: Germania, Francia, Italia, Spagna, Svezia, Norvegia, Paesi Bassi, Irlanda e Finlandia. Regolamentato dalla BaFin e allineato alla MiFID II, il mercato di Spectrum Markets utilizza un sistema unico ad architettura aperta che permette agli investitori di operare avendo a disposizione una scelta più ampia, con maggiore controllo e stabilità. Attraverso un ISIN pan-europeo, la possibilità di accesso 24/5 e una piattaforma proprietaria, Spectrum è in grado di garantire un livello di liquidità di base sull’intera gamma di strumenti, di provvedere all’abbinamento di un numero significativo di ordini in maniera rapida e sicura e di elaborare svariate quotazioni ogni secondo.





Source link

REGISTRATI ORA
%d bloggers like this: