fbpx


© Reuters.

MILANO (Reuters) – Un’eventuale presenza dello stato italiano nel neonato gruppo automobilistico Stellantis “non può e non deve essere un tabù” ma un simile intervento andrebbe costruito in modo consensuale.

Lo ha detto il viceministro dell’Economia Antonio Misiani.

“L’operazione Stellantis coinvolge l’interesse nazionale dal punto di vista occupazionale e industriale”, ha detto Misiani in una intervista al quotidiano La Repubblica.

“Anche per questa ragione un’eventuale presenza dello Stato italiano nel capitale sociale del nuovo gruppo, analogamente a quella del governo francese, a mio giudizio non può e non deve essere un tabù”.

Un possibile investimento pubblico nella società nata dalla fusione fra Fca (MI:) e Peugeot dovrebbe tuttavia avvenire a determinate condizioni “che ad oggi non ci sono: non possiamo certo pensare a un’operazione ostile, un intervento di questo tipo va costruito in modo consensuale. E deve essere funzionale ad una strategia di politica industriale”, ha detto Misiani.

Il viceministro ha inoltre richiamato alla necessità di andare oltre i meccanismi di incentivazione già adottati nell’ottica di costruire una prospettiva di medio-lungo periodo.

“Le sfide tecnologiche incrociano la transizione ecologica (…). Proprio per questo risorse importanti potrebbero arrivare da Next Generation Ue, che pone molta attenzione al tema della decarbonizzazione”, ha detto.

Il viceministro ha infine sottolineato che il governo continuerà a seguire con la massima attenzione le dinamiche industriali e occupazionali del settore dell’auto al di là della fusione Fca-Peugeot.

(Maria Pia Quaglia, in redazione a Milano Cristina Carlevaro)

Responsabilità: Fusion Media would like to remind you that the data contained in this website is not necessarily real-time nor accurate. All CFDs (stocks, indexes, futures) and Forex prices are not provided by exchanges but rather by market makers, and so prices may not be accurate and may differ from the actual market price, meaning prices are indicative and not appropriate for trading purposes. Therefore Fusion Media doesn`t bear any responsibility for any trading losses you might incur as a result of using this data.

Fusion Media or anyone involved with Fusion Media will not accept any liability for loss or damage as a result of reliance on the information including data, quotes, charts and buy/sell signals contained within this website. Please be fully informed regarding the risks and costs associated with trading the financial markets, it is one of the riskiest investment forms possible.





Source link

REGISTRATI ORA