fbpx


  1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Uncategorized ›› 

TIM conferma la risoluzione. In realtà, il guasto sembrava molto più diffuso rispetto alla sola Lombardia, ma ha interessato solo lo 0,62% della clientela.


FACEBOOK
TWITTER
LINKEDIN

TIM, superato il down: “Localizzato in Lombardia, ha interessato lo 0,62% dei clienti”

 

TIM conferma l’avvenuta risoluzione del guasto rilevato ieri per poche ore sulla propria rete, che ha impedito a diversi utenti il corretto accesso alla rete. In realtà, nonostante l’ampio eco e le diverse segnalazioni, come confermato da TIM e da portali terzi come Downdetector il problema è stato rilevato in un’area piuttosto circoscritta, in particolare in Lombardia, interessando solo lo 0,62% della clientela nazionale.
In particolar modo, è proprio Downdetector a segnalare come il picco si sia avuto intorno alle 9.00, quando effettivamente molti italiani hanno ripreso l’attività lavorativa dopo i primi tre giorni dell’anno, ma altresì come già a mezzogiorno le segnalazioni siano calate drasticamente, segno evidente di risoluzione della problematica.
Proprio intorno a mezzogiorno, attraverso il proprio profilo Twitter TIM ha pubblicato una comunicazione nella quale ha informato gli utenti dell’avvenuta risoluzione del down:
Nella notte si è verificato un disservizio ai sistemi di alimentazione elettrica in una centrale telefonica di Milano, impattando 300 mila clienti. I tecnici, a lavoro da subito, hanno ripristinato in poche ore il servizio. Ci scusiamo per il disagio.

TIM, la natura del problema che ha causato il down

Il down della rete TIM, avvenuto nelle prime ore di lunedì, è stato dunque risolto dai tecnici dell’azienda Italia già a mezzogiorno, attraverso il lavoro dei tecnici dispiegati sul territorio lombardo.
Tecnici che hanno effettivamente risolto il problema già nel primo pomeriggio, scoprendone la causa in un guasto legato ai sistemi di alimentazione elettrica in una centrale telefonica di Milano, l’area dalla quale sono risultate provenire gran parte delle segnalazioni. Il lavoro dei tecnici ha richiesto circa 3-4 ore, superando appunto il problema entro le 12:00, momento nel quale sempre secondo Downdetector la quantità di segnalazioni è drasticamente calata, a testimonianza di una situazione in netto e definitivo miglioramento.
 

TIM e le altre reti, come comportarsi in caso di down?

Mediamente, non è così frequente assistere ad un down da parte delle più grandi TLC nazionali; ad onor del vero, TIM non si caratterizza per una frequenza maggiore di eventi di questo tipo rispetto ai principali competitor, e i suoi tecnici sono sempre piuttosto reattivi nel raggiungere la sede del problema e lavorare alla soluzione più appropriata. Ma detto che questi problemi non avvengono più, per i diversi operatori, con la frequenza di un tempo, come comportarsi in caso di malfunzionamento della propria rete?
L’evento in sé, chiaramente, è piuttosto fastidioso. Spesso però, capire come comportarsi in questi casi può aiutare a risolvere il problema, specie quando non ci sono problemi riconducibili, in qualche modo, alla rete del fornitore, quanto invece ai router o agli smartphone che utilizziamo per navigare sulla rete dalla nostra abitazione o dal nostro ufficio. La prima verifica andrebbe dunque effettuata sul dispositivo di connessione utilizzato per l’accesso alla rete: non è così raro che, semplicemente, uno dei processi che agiscono all’interno del dispositivo utilizzato sia temporaneamente “bloccato”, impedendo così la connessione. Spesso, il riavvio del dispositivo può essere sufficiente a risolvere il problema.
Chiaramente, però, non sempre il problema è il dispositivo, e come accaduto può essere la rete a rilevare una difficoltà. Siti come Downdetector e altri portali di questo tipo permettono di individuare velocemente se il problema è “esterno”: qualora provengano diverse segnalazioni dalla stessa zona e nello stesso periodo temporale, il problema è difficilmente da ricercarsi tra le proprie mura. Occorre dunque attendere il feedback del proprio gestore su eventuali guasti, spesso comunicato direttamente via SMS come accaduto ieri per TIM (la cui rete telefonica non ha riscontrato particolari problemi), cui mediamente segue una risoluzione ormai piuttosto veloce da parte del corpo tecnico delle varie TLC nazionali, che nel corso degli ultimi anni ha sicuramente guadagnato in efficienza e rapidità, garantendo così ai clienti dei diversi operatori un veloce ritorno alle normali condizioni di navigazione.





Source link

REGISTRATI ORA
%d bloggers like this: