fbpx


Quali sono i titoli e azioni più esposti alla Brexit e all’impeachment di Trump?

La Camera dei Deputati statunitensi ha messo in stato d’accusa il presidente Donald Trump.

Impeachment Usa

Un voto che era ampiamente previsto così come, altrettanto ampiamente previsto è il no del Senato, a maggioranza repubblicana. Anche per questo motivo i mercati hanno reagito bene. Almeno guardando i futures degli indici statunitensi. Qualche giorno fa, invece, il voto in Gran Bretagna che consegnava una salda maggioranza nelle mani dei conservatori. Maggioranza che, di fatto, permetteva di regalare ai mercati la certezza di un iter chiaro sulla Brexit. Ma procediamo con ordine.

Le previsioni sugli indici

Condannato dalla Camera a maggioranza democratica, Donald Trump dovrebbe essere assolto, a gennaio, al Senato con un voto che, di fatto, bloccherebbe l’intero processo. Questa l’opinione degli analisti, confermata anche da mercati in rialzo. Infatti le previsioni sugli indici non sottolineano alcun timore da questo possibile impeachment di Trump.

Ma quali sono i titoli e azioni più esposti alla Brexit e all’impeachment ?

Impeachment

Quindi si abbassa il rischio investimenti su titoli e azioni più esposti all’impeachment Usa. La speaker della Camera Nancy Pelosi ha però fatto intendere che potrebbe bloccare l’assoluzione del Senato, bloccando l’invio dei documenti qualora non venissero accettate alcune testimonianze finora rigettate. Si tratterebbe di un limbo in cui non ci si è mai trovati.

Mercati azionari americani

Uno scenario estremo  cui gli esperti non danno molto peso. Finora le previsioni sulle borse Usa , come anche scritto su Proiezionidiborsa, vedono i mercati azionari americani iniziare dalla seconda metà del 2020, una fase laterale. Fase che arriverebbe dopo ulteriori rialzi (anche del 20/30% dai livelli attuali). Diverso invece il discorso per la Gran Bretagna dove in realtà ci possono essere titoli e azioni più esposti alla Brexit.

Brexit

Dopo la convincente vittoria dei conservatori, il premier Boris Johnson ha infatti  avanzato una proposta di legge che vieta di prorogare la fine dell’intero processo di divorzio dall’Europa oltre il 31 dicembre 2020. Questo significa costringere la rinegoziazione di diversi accordi economici molto complessi in un lasso di tempo inferiore a un anno. Ovvero un ritorno per una hard Brexit che non piace ai mercati. La sterlina è stata il primo asset ad essere coinvolto tra titoli e azioni più esposti alla Brexit. Infatti dopo un’iniziale rally è ritornata al livello pre-elezioni. Ma alla fine, con un pericolo hard Brexit concreto,  sarà bene monitorare anche i finanziari, le utility e tutti i Per questo motivo si può parlare di titoli e azioni più esposti alla Brexit. Tra i settori sicuramente quelli coinvolti nell’export. Non ultimi industriali e agricoltura.



Source link

REGISTRATI ORA

Submit Your Information & Learn More

%d bloggers like this: