fbpx

[ad_1]

“Whatever it takes” la celebre frase che il governatore della BCE Mario Draghi pronunciò il 26 luglio 2012, nell’ambito della crisi del debito sovrano europeo, viene nuovamente rispolverata nella sua versione italiana. Ieri, nella conferenza stampa del Consiglio dei Ministri (CdM), il Premier Mario Draghi ha sostenuto:

noi sicuramente faremo tutto ciò che è necessario per aiutare famiglie, imprese, per preservare il potere d’acquisto dei salari, delle pensioni. Tutto quello che è necessario all’interno, naturalmente, di una cornice di decisioni europee, di equilibrio dei conti. La disponibilità del governo c’è ed è totale”.

Un discorso quindi che rimarca, in un qualche modo, quello del 2012, dove oltre che ai fatti i mercati richiedono anche rassicurazioni e forti intenti.

I numeri chiave del quadro programmatico nel Def confermano che l’invasione russa in Ucraina ha di fatto arginato la corsa della crescita italiana, con il primo trimestre dell’anno che si chiude con un Pil in calo dello 0,5%. La crescita tendenziale rallenta al +2,9%. Entro la fine del mese, con il Def approvato dal Parlamento, un nuovo decreto da 5 miliardi proverà a limitare i danni con un effetto espansivo che dovrebbe portare l’obiettivo di crescita al 3,1 per cento. Inflazione, che ricordiamo in Italia si è assetata al 6.7% – nella sua ultima lettura preliminare di marzo – ha almeno, in un certo senso, offerto un assist al governo, riducendo il peso contabile di deficit e debito.

Listini azionari, che nella seduta di ieri, hanno continuato il percorso di correzione iniziato martedì, con in Europa il tema sanzione al centro delle preoccupazioni mentre negli Stati Uniti un Federal Reserve più falco fa inciampare soprattutto i titoli tecnologici e di crescita – con il che ha chiuso per la seconda seduta consecutiva la sessione in calo di oltre due punti percentuali.

I verbali della Fed, pubblicati ieri sera, ci hanno offerto alcuni indizi su come la banca centrale americana stia valutando il piano di rialzo dei tassi e di riduzione del bilancio. Non ci sono state rivelazioni sorprendenti, sebbene si sia confermato che il resto della Fed è seriamente intenzionato a combattere l’inflazione attraverso rapidi cambiamenti di politica monetaria. In particolare, le trascrizioni hanno alzato il velo su dettagli su come la banca centrale americano inizierà a ridurre il suo bilancio, uno strumento che la Fed può usare per aumentare indirettamente i tassi a lungo termine.

Il mercato è alla ricerca di maggiori certezze, e i verbali hanno fornito alcuni dettagli cruciali su come la stessa banca stia valutando i rischi d’inflazione nell’ambiente attuale. Ma gli investitori starebbero ancora permettendo alle loro paure di avere la meglio al momento. La Fed ha dichiarato in passato che è impegnata nella flessibilità, ma è difficile vederla prendere una posizione più forte sui rialzi dei tassi rispetto a quello che il mercato già si aspetta. E questa disparità, tra le aspettative del mercato e le mosse effettive della Fed, potrebbe aprire la porta per altri rally “di respiro” lungo la strada. I dati economici e sugli utili, anche se sotto pressione, sembrano decenti, e la Fed è ancora consapevole dei rischi persistenti per la crescita futura.

Restando in tema di verbali, oggi saranno rivelati quelli della Banca Centrale Europea relativi alla riunione di marzo. L’attenzione sarà naturalmente rivolta alle prospettive di inflazione, ai rischi di recessione e al ritmo della futura normalizzazione delle politiche. Con una BCE che registra un’inflazione al 7,5%, al livello più alto di sempre, e allo stesso tempo mantiene ancora i tassi d’interesse a livelli minimi, assistiamo una grandissima disconnessione tra politica monetaria e aumento del carovita. Ovviamente, la scelta non è delle più semplici, con il rischio che un aumento anticipato dei tassi possa far deragliare la già fragile crescita europea.

Tassi e Inflazione UE

Negli Stati Uniti saranno pubblicati i dati sulle richieste di sussidi di disoccupazione settimanali. Mentre nella serata saranno di scena nuovi discorsi della Fed, tra cui soprattutto James Bullard (tra i più falchi del board).

Criptovalute: oggi di scena il secondo giorno del 2022. Dopo aver flirtato con la soglia dei $ 47.000 lunedì, il valore di BTC è sceso negli ultimi 2 giorni ed è attualmente scambiato sui $ 43.000. A trascinare al ribasso il mercato delle criptovalute la sua attuale alta correlazione con l’indice tecnologico americano, il quale ha registrato due sedute consecutive in calo di oltre due punti percentuali. Oggi di scena sul palco dell’evento il CEO di MicroStrategy Michael Saylor, il fondatore di PayPal (NASDAQ:) Peter Thiel e Jack Mallers CEO di Strike – su quest’ultimo molti si aspettano, come riportato ieri, novità soprattutto correlate con Apple (NASDAQ:).  Il presidente di El Salvador, Nayib Bukele, non sarà invece presente causa di “circostanze impreviste” nel suo Paese che richiedono la sua presenza.

Mentre l’attenzione è tutta su Bitcoin e le altre “big”, nelle ultime 24 ore a rubare la scena al rialzo è stato il token BAL (Balancer) +17,65% (e +66% negli ultimi 30 giorni). Balancer è un market maker automatizzato sviluppato sulla blockchain di , il cui protocollo funziona come portafoglio ponderato autobilanciato, sensore di prezzo e fornitore di liquidità. Come possiamo osservare, il rally è iniziato verso la fine della seduta di ieri ed è stato accompagnato da un forte incremento di volume

Balancer

Balancer

Token, che tuttavia risulta essere ancora eccessivamente concentrato su “balene”, i quali detengono circa 25,79 milioni di BAL, ovvero il 52% (stando ai dati Intotheblock). Alcune di esse anche molte attive. 

Balancer balene

Balancer balene

Gabriel Debach
eToro Italian Market Analyst
 
Disclaimer:
 
Il contenuto di questa newsletter è di natura informativa ed educativa e non può essere considerata come attività di consulenza finanziaria né come raccomandazione all’investimento.
Performance passate non sono indicative di performance future. Il trading è rischioso e si raccomanda di rischiare solo il capitale che si è disposti a perdere. 
Il prezzo delle criptovalute può variare significativamente e non sono adeguate per tutti gli investitori. Il trading sulle criptovalute non è supervisionato da alcun quadro regolatorio dell’Unione Europea
 
 
 
 

[ad_2]

Source link

REGISTRATI ORA
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: